Home / Pianeta / Piccante e raffinato: le tendenze della gastronomia 2021 secondo Pinterest

Piccante e raffinato: le tendenze della gastronomia 2021 secondo Pinterest

Pinterest ci promette un anno all’insegna della raffinatezza e della novità, in cucina e non solo. Questo, almeno, in base alle previsioni che il noto social network basato sulla condivisione di fotografie e video elabora ogni anno, analizzando le immagini più popolari. Un metodo che sembra dare buoni risultati, visto che secondo la responsabile marketing della società Andrea Mallard “le tendenze annunciate per il 2020 – in base ai contenuti postati da 442 milioni di utenti mensili – si sono realizzate nell’80% dei casi nonostante si sia trattato di un anno assolutamente imprevedibile”.

Cibo e gastronomia occupano un posto importante tra i temi scelti dagli utenti, una conferma del diffuso interesse, su tutti i social, per contenuti e immagini legate al cibo, dagli impiattamenti più originali alle vivande insolite e presentate con fantasia. La tendenza generale conferma la diffusa passione per i fornelli, ma con una marcia in più rispetto al 2020. “La nuova guida Michelin sta nella cucina di casa”, assicurano gli analisti di Pinterest: le persone daranno libero sfogo alla creatività, cimentandosi nella creazione di piatti preparati e presentati con stile professionale. Tra le ricerche in aumento ci sono quelle  che riguardano le tecniche più raffinate per presentare le proprie creazioni gastronomiche (+105%), ma anche le ricette per preparare pane artistico (+130%) con creazioni originali per forme ed ingredienti, e le bevande salutari fatte in casa con ingredienti naturali.

Tra le ricerche più numerose su Pinterest, quelle sulle tecniche per presentare in maniera professionale i piatti realizzati nella cucina di casa

Una tendenza che coinvolge anche i casalinghi: si segnalano in aumento le vendite di piatti in ceramica dalle forme particolari e bicchieri colorati, ma anche di mensole da utilizzare per esporre gli oggetti più caratteristici. Anche le apparecchiature tradizionali lasciano il posto ai taglieri di varie forme e materiali, che non sono più utilizzati come da tradizione solo per servire salumi o formaggi ma per presentare qualunque tipo di vivanda, dalle caramelle alla frutta o alle marmellate, tanto da essere suggerite ai servizi di delivery come supporto per cene a tema.

I cambiamenti più radicali sono forse quelli che riguardano i gusti: se lo scorso anno si puntava soprattutto sul ritorno al naturale, nel 2021 i consumatori dovrebbero accantonare i cibi delicati per concentrarsi sul piccante, anche a livello estremo: “è il nuovo umami”, assicurano gli analisti di Pinterest, in base ai dati che segnalano in aumento l’interesse per i peperoncini più infuocati, per le salse piccanti in accompagnamento a piatti esotici come il poke (+70%) ma anche per cibi originali come il miele piccante (+155%) da abbinare soprattutto al pesce. Il suggerimento per i produttori, si legge nel rapporto, “è quello di aiutare i consumatori a sperimentare segnalando in etichetta i diversi gradi di piccantezza del prodotto, oppure di proporre bevande adatte ad attenuarne gli effetti

Più in generalesarà un anno di rinascita”, assicura Mallard. “Le persone non vogliono tornare alla normalità ma a una nuova normalità, nello stile come nell’alimentazione: l’estetica e l’innovazione giocheranno un ruolo sempre più importante, all’insegna dell’intraprendenza e della voglia di fare”.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Paola Emilia Cicerone

Paola Emilia Cicerone
giornalista scientifica

Guarda qui

Il pranzo di Napoleone era sempre rapido, anche se apprezzava fagiano, pollo e prosciutto

Napoleone Bonaparte (1769 – 1821), del quale il 5 maggio 2021 si celebra i bicentenario …

Un commento

  1. Avatar
    Tonino Riccardi

    Raffinato o semolato ?