Home / Pianeta / Inquinamento da Pfas in Veneto, 137 milioni di danni ambientali. Il calcolo effettuato dall’Ispra e comunicato dal ministro dell’Ambiente

Inquinamento da Pfas in Veneto, 137 milioni di danni ambientali. Il calcolo effettuato dall’Ispra e comunicato dal ministro dell’Ambiente

Water pollution in river - Global warmingIl danno ambientale provocato dai Pfas (sostanze perfluoroalchiliche) nelle province di Vicenza, Verona e Padova ammonta a 136,8 milioni di euro. Il calcolo è stato fatto dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) ed è stato comunicato dal ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, alla commissione parlamentare d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti. “Avendo questo dato ci possiamo costituire con l’Avvocatura di Stato nel procedimento a carico del responsabile dell’inquinamento, almeno per 136,8 milioni di euro che devono entrare nelle casse dello Stato per andare alla bonifica e riparare il danno cagionato dal 1990”, ha detto il ministro.

I Pfas hanno inquinato le falde acquifere di una sessantina di comuni del Veneto e sono entrati nella catena alimentare, probabilmente a causa degli scarichi della fabbrica Miteni, che poche settimane fa ha dichiarato fallimento, cessando le attività. In gennaio il presidente della Regione Veneto ha emesso un’ordinanza che vieta fino al 30 giugno il consumo del pesce pescato proveniente dalle aree dove sono state riscontrate positività analitiche per i Pfas.

La Regione, che ha già deciso di costituirsi parte civile, dichiarandosi parte offesa, sollecita il ministero dell’Ambiente affinché fissi dei limiti nazionali ai Pfas. Quelli stabiliti dalla Regione sono oggetto di decine di ricorsi, con richieste di risarcimento danni del valore di un centinaio di milioni, perché ritenuti troppo bassi. “Abbiamo la necessità di un intervento urgente del ministero sulla questione”, afferma l’assessore all’Ambiente veneto Gianpaolo Bottacin.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

I sacchetti in bioplastica potrebbero influire sulla germinazione (se non smaltiti correttamente): criticità sulla metodologia dello studio scientifico

In seguito alla pubblicazione dello studio inglese secondo cui le plastiche biodegradabili non sarebbero soggette …