Home / Pianeta / Ridurre l’uso dei pesticidi senza perdere produttività e redditività: secondo uno studio dell’Istituto francese per la ricerca in agricoltura è possibile

Ridurre l’uso dei pesticidi senza perdere produttività e redditività: secondo uno studio dell’Istituto francese per la ricerca in agricoltura è possibile

In Francia, i ricercatori dell’INRA (Istituto nazionale per la ricerca in agricoltura), in collaborazione con la società AgroSolutions, hanno studiato la relazione tra il livello d’uso di pesticidi e le prestazioni delle colture agricole, in termini di produttività e redditività. I risultati, pubblicati dalla rivista Nature Plants, mostrano che una significativa riduzione dell’uso di sostanza chimiche è possibile senza alterare i rendimenti agricoli e i guadagni degli agricoltori, a patto che questi ultimi siano accompagnati nell’adattamento delle loro pratiche agricole.

Lo studio, durato tre anni, ha riguardato 946 aziende agricole non biologiche, con differenti livelli di utilizzo di pesticidi e tipi di colture che coprono una vasta gamma di quelle presenti in Francia. Nel 77% delle aziende non è stato riscontrato alcun conflitto tra basso uso di queste sostanze da una parte e alte produttività e redditività dall’altra. Solo il 6% delle aziende agricole esaminate i ricercatori hanno individuato un legame positivo tra uso intenso dei pesticidi e rendimenti agricoli elevati.

pesticidi
Una significativa riduzione dell’uso di pesticidi è possibile senza alterare i rendimenti agricoli e i guadagni degli agricoltori

I ricercatori dell’INRA stimano che l’uso complessivo dei pesticidi potrebbe essere ridotto del 42% senza alcun impatto negativo nel 59% dei casi. Questo corrisponde ad una riduzione media del 37% degli erbicidi, del 47% dei fungicidi e del 60% degli insetticidi. Estrapolando questi dati all’intero territorio francese, questo significa che la quantità di sostanze chimiche utilizzata potrebbe essere ridotta del 30%, adottando nuove pratiche agricole, a cui gli agricoltori dovrebbero essere formati e per l’adozione delle quali, secondo i ricercatori dell’INRA, sarebbero forse opportuni anche degli incentivi.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

meloni frutta giappone coltivare serra

Un’anguria da 5.000 euro! Ecco i tre frutti più cari al mondo venduti in Giappone raccontati in un articolo di Italia Fruit News

La rivista online Italia Fruit News ha pubblicato un interessante articolo su alcuni costosissimi frutti …