Home / Etichette & Prodotti / “Olivia”: il nuovo software che fa parlare l’olio e risponde a tutte le domande dei consumatori

“Olivia”: il nuovo software che fa parlare l’olio e risponde a tutte le domande dei consumatori

olio extra vergine olivia
Olivia è il sistema basato su un codice QR in grado di rispondere a domande sull’olio

Che cosa si intende per acidità di un olio? Come si degusta un extra vergine? Quanto tempo si  può conservare una bottiglia? Sono tanti i dubbi e le curiosità dei consumatori sull’olio d’oliva e presto a rispondere potrebbe essere… l’olio stesso. O meglio, la bottiglia, grazie a Olivia, un software in grado di riconoscere il linguaggio e di rispondere “a tono”.

Il funzionamento è analogo a quello di un QR code. Basta inquadrare con la fotocamera di uno smartphone o di un tablet  il simbolo a quadretti collocato sulla fascetta abbinata al collo della bottiglia per attivare il sistema e cominciare a dialogare.

 

La tecnologia è stata messa a punto da Intoote, startup innovativa di Trieste specializzata appunto in “agenti dialoganti”, in collaborazione con l’Associazione italiana donne dell’olio. «Il nostro obiettivo è fare cultura sull’olio extra vergine d’oliva» chiarisce la presidentessa dell’Associazione, Gabriella Stansfield.

«Perché c’è un dato di fatto: l’olio extra vergine è uno dei simboli del made in Italy e proprio per questo è ampiamente usato per promuovere una certa idea di italianità. Allo stesso tempo, però, è un prodotto poco conosciuto.

 

associazione donne olio oliva
La tecnologia è stata messa a punto da Intoote, di Trieste, in collaborazione con l’Associazione italiana donne dell’olio

Passa spesso il concetto che gli oli extra vergini siano tutti uguali, ma non è così: ci sono profonde differenze, che dipendono dalla varietà di olive utilizzate, dallo stato di maturazione al momento della raccolta, dal territorio di coltivazione. Insomma, quando abbiamo conosciuto il lavoro di Intoote, ci è sembrato che un avatar dialogante potesse essere un ottimo strumento per promuovere l’informazione e così abbiamo deciso di unire le nostre forze».

 

Il risultato è Olivia, una simpatica oliva capace di rispondere a domande sull’olio formulate a voce. A questo link si può avere un assaggio delle sue abilità, anche se è chiaro che lo strumento è ancora in fase di sviluppo.

 

«Abbiamo un prototipo e alcuni membri dell’associazione lo stanno testando sui loro prodotti» spiega Stansfield. «Prima di renderlo liberamente disponibile come app, però, stiamo cercando di ampliare le sue conoscenze e di ottimizzare alcuni aspetti tecnici, per rendere la comunicazione più veloce e immediata».

 

olio 463277227
Gli oli extra vergini non sono tutti uguali: le differenze dipendono dalla varietà di olive, dallo stato di maturazione  dal territorio di coltivazione…

Ma quando sarà pronta, che cosa si potrà chiedere a Olivia? «Di tutto: sarà come un’enciclopedia aggiornata, con informazioni “certificate” perché ottenute da materiali messi a punto proprio dalle volontarie dell’associazione, tra le quali si trovano varie figure professionali legate al mondo dell’olio. Non solo coltivatrici, ma agronome, chimiche, esperte di comunicazione e così via».

 

Oltre alle curiosità si potranno chiedere informazioni sui singoli prodotti ottenendo risposte su  caratteristiche organolettiche, varietà, usi in cucina. «C’è un altro elemento interessante da evidenziare – conclude Stansfield – il sistema permette di registrare le domande e questo aiuterà i produttori a capire quali siano le esigenze e le richieste dei consumatori. Certo, bisognerà vedere come il mercato accoglierà la novità, ma secondo noi questa tecnologia potrebbe rivelarsi utile anche per promuovere altri prodotti del made in Italy».

 

Valentina Murelli

© Riproduzione riservata

Foto: Thinkstockphotos.com, Simone Maviglia

  Valentina Murelli

Valentina Murelli
giornalista scientifica

Guarda qui

È guerra alle Fake Meat. Ma vietare la parola “carne” sulle etichette delle alternative vegetali e coltivate aiuterà i consumatori?

I produttori di carne americani, dopo quelli francesi, dichiarano una guerra semantica alla finta carne …

Un commento

  1. Avatar

    interessante, quello che mi fa piacere è che si sono tante donne coinvolte.
    Il mondo IT non si ferma mai!