Home / Pianeta / La metà degli olandesi è in sovrappeso ma la maggioranza non è preoccupata. La percentuale degli obesi è quasi triplicata in 35 anni

La metà degli olandesi è in sovrappeso ma la maggioranza non è preoccupata. La percentuale degli obesi è quasi triplicata in 35 anni

obesità sovrappesoIn Olanda, quasi la metà degli adulti è in sovrappeso o obesa, eppure questo provoca poca preoccupazione. Infatti, il 40% delle persone obese non esprime insoddisfazione per il proprio peso, mentre il 20% è addirittura soddisfatto. Tra le persone con eccesso ponderale moderato, più della metà dichiara di essere contenta del proprio peso, mentre solo il 14% non lo è.

In generale, gli uomini olandesi sono più soddisfatti del proprio peso, rispetto alle donne: 70% contro 60%. Tra gli adulti moderatamente in sovrappeso, è soddisfatto il 60% degli uomini contro il 40% delle donne. Tra le persone obese, lo è il 27% degli uomini contro il 18% delle donne. Lo segnala l’Ufficio statistico dei Paesi Bassi (CBS), sulla base di rilevazioni effettuate tra il 2015 e il 2017.

La percentuale degli adulti olandesi in sovrappeso è passata dal 32% del 1981 al 49% di oggi, mentre quella delle persone in grave eccesso di peso è quasi triplicata, passando dal 5% al 14%. Il sovrappeso è più diffuso tra gli uomini (52%) che tra le donne (45%), mentre per l’obesità il rapporto è inverso: 15% di donne e 13% di uomini. Il problema del sovrappeso interessa maggiormente le classi sociali più svantaggiate, con il 64% delle persone in questo segmento della popolazione, rispetto al 40% nelle classi sociali superiori.

Come riporta il quotidiano francese Les Echos, di fronte al diffondersi di sovrappeso e obesità molte assicurazioni sanitarie olandesi stanno rimborsando le spese per corsi dove si insegna a mangiare meno o a fare più movimento, così come quelli per consulenze mediche specialistiche.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

spreco alimentare

Combattere lo spreco alimentare ‘umanizzando’ frutta e verdura imperfetta, la strana strategia di alcuni ricercatori americani

Si moltiplicano, a livello internazionale, gli sforzi per ridurre lo spreco alimentare. Negli ultimi giorni …