;
Home / Sicurezza Alimentare / Attenzione a dove si mette il pollo: molte gastroenteriti estive si possono prevenire con semplici accorgimenti igienici

Attenzione a dove si mette il pollo: molte gastroenteriti estive si possono prevenire con semplici accorgimenti igienici

Una delle cause più comuni dei disturbi intestinali che possono colpire anche dove le condizioni igieniche sono ottime sono i campylobacter. Si tratta di microrganismi di varie specie presenti nel tratto gastrointestinale di molti animali da allevamento – pollame, bovini, suini, ovini – senza fare danni. Purtroppo lo stesso non vale per l’uomo: anzi, i campylobacter sono considerati uno dei principali “colpevoli” delle gastroenteriti nei paesi industrializzati. I sintomi: mal di pancia, diarrea e febbre che, nella maggior parte dei casi, guariscono spontaneamente.

Come ci si infetta? Soprattutto mangiando carne di pollo contaminata non cotta a sufficienza. Può capitare a tutti, ma soprattutto ai bambini, e tutto l’anno, anche se l’incidenza aumenta durante l’estate. Anche perché i Campylobacter sono tra i principali colpevoli della sgradevole diarrea del viaggiatore capace di rovinare la più lussuosa vacanza (in questo caso, il contagio può arrivare anche dall’acqua).

Dopo la macellazione, è possibile che i batteri finiscano sulla pelle dell’animale. Per fortuna, sono poco resistenti al freddo e al caldo, e quindi i passaggi in frigorifero, in forno o in pentola li distruggono. Da noi è più facile che l’ingestione avvenga attraverso una contaminazione “crociata” tra gli alimenti. In pratica, anche se non sono più presenti sul pollo arrosto, i Campylobacter possono essere finiti su un altro cibo o un liquido, per esempio una marinata,  che era accanto al pollo ancora crudo sullo scaffale del frigo.

L’Affsa, l’autorità francese per la sicurezza alimentare, ha messo a punto una serie di consigli igienici per i consumatori, il modo più semplice per prevenire le gastroenteriti dovute ai Campylobacter.  Ecco le raccomandazioni:

– Evitare il contatto del pollame crudo con altri alimenti, durante il trasporto a casa dopo l’acquisto e nel frigorifero: isolare la carne cruda in un sacchetto di plastica prima di metterlo nella borsa della spesa e collocarlo nel cassetto in basso del frigo e conservarlo nel sacchetto o protetto da una pellicola per evitare la fuoriuscita di fluidi e la possibilità che gocciolino su altri alimenti.

– Lavarsi le mani e tutte le superfici o utensili (griglia del barbecue, piatti, taglieri…) prima di metterli a contatto col pollame crudo.

– Buttar via o consumare solo dopo averle cotte le marinate entrate in contatto con la carne cruda.

– Assicurarsi che la cottura delle carni di volatili raggiunga una temperatura non inferiore a 65 °C  all’interno.

Mariateresa Truncellito

© Il Fatto Alimentare 2010 – Riproduzione riservata

 

Avatar

Guarda qui

Ossido di etilene, Fresh homemade burger buns panini da hamburger con semi di sesamo su carta forno

Sesamo, negli USA centinaia di crisi allergiche per l’assenza di indicazioni in etichetta. L’obbligo solo dal 2023

La presenza di sesamo, o anche solo la possibilità di una contaminazione, dovrebbe essere sempre …