Home / Allerta / Nuovo ritiro di frutti di bosco surgelati confezionati con materia prima italiana, polacca e bulgara. Stop al consumo!

Nuovo ritiro di frutti di bosco surgelati confezionati con materia prima italiana, polacca e bulgara. Stop al consumo!

Raff frutti di bosco
La notifica sui frutti di bosco contaminati inviata oggi dal Ministero della salute al sistema di allerta rapido europeo (Rasff)

La storia dei frutti di bosco surgelati contaminati dal virus dell’epatite A continua. È di oggi la notizia di un nuovo lotto ritirato dal mercato. La segnalazione   è stata diffusa dal sistema di allerta europeo (Rasff), che ha registrato la notifica inviata oggi dalle autorità sanitarie italiane. Le uniche informazioni  disponibile riguardano la materia prima proveniente dalla Polonia dalla Bulgaria, ma anche di origine italiana.

 

94261450, frutti bosco
Sono ancora in commercio molte confezioni di frutti di bosco contaminate e altre sono nei freezer delle abitazioni

 

Come è stato detto più volte  sono ancora in commercio molte confezioni di  frutti di bosco contaminate e altre sono nei freezer delle abitazioni.  Anche le confezioni da 10 kg usate da ristoranti, pasticcerie e laboratori artigianali  possono essere contaminate dal virus dell’epatite A. Negli ultimi due mesi sono stati ritirati dal mercato tre lotti di frutti di bosco destinati al catering in confezioni da 10 kg.

La situazione  è fuori controllo, l’unica cosa saggia e non consumare frutti di bosco surgelati ed evitare accuratamente di mangiare dolci e altre preparazioni che li contengono. Va sottolineata la scelta di diverse catene di supermercati come Coop ed Esselunga di non vendere frutti di bosco surgelati.

Roberto La Pira

 

 

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Api

Effetto cocktail: il nuovo insetticida Sivanto (Bayer) può uccidere e alterare il comportamento delle api, nonostante sia dichiarato innocuo

Alta mortalità delle api, scarsa coordinazione, apatia e iperattività nel comportamento.I cocktail di pesticidi, anche …

2 Commenti

  1. Ma si vuol capire che il problema non è piu’ affrontabile col sistema di allerta su singoli lotti, e se il prodotto è ancora nei frigo di consumatori e della ristorazione, come nei punti vendita . vista la distribuzione non omogenea del virus, anche in lotti apparentemente esenti, l’unica soluzione è la bollitura prima dell’uso o il ritiro di TUTTI I LOTTI DI PRODOTTO DI QUALSIASI MARCA (=allerta su tipologia di prodotto) ?