Home / Sicurezza Alimentare / Nanoparticelle: i consumatori inglesi le ammettono solo per scopi salutistici e nel packaging. Una ricerca della Foods Standards Agency

Nanoparticelle: i consumatori inglesi le ammettono solo per scopi salutistici e nel packaging. Una ricerca della Foods Standards Agency

Il dibattito sull’uso alimentare delle nanoparticelle è sempre vivissimo. E’ di questi giorni la pubblicazione, da parte dell’inglese Food Standards Agency (FSA) di una ricerca sull’opinione dei consumatori riguardante l’uso delle nanotecnologie nel packaging alimentare e nei cibi, condotta tra la fine del 2010 e l’inizio dell 2011.

I risultati sono chiari: i consumatori dichiarano un atteggiamento positivo verso l’uso delle nanoparticelle per scopi giudicati importanti, come ridurre il contenuto di sale o di grassi degli alimenti, mentre bocciano usi “commerciali” come lo sviluppo di nuovi sapori e aromi. Mentre va registrato che le persone intervistate sono state relativamente aperte circa l’utilizzo delle nanotecnologie nel packaging alimentare, sottolineandone correttamente i potenziali benefici (“shelf life” prolungata e riduzione dei rifiuti), d’altra parte è impossibile non evidenziare un dubbio di fondo dei consumatori: le nanoparticlelle porteranno reali benefici alle persone o serviranno piuttosto ad accrescere i profitti  dell’industria alimentare?

Così ha commentato i risultati Andrew Wadge, ricercatore capo della FSA: “La ricerca suggerisce che, sebbene i consumatori possano essere scettici sulle motivazioni dell’introduzione della nanotecnologia negli alimenti, sono più propensi a guardarle in modo favorevole quando percepiscono un reale vantaggio per loro. Credo che sia le autorità di regolamentazione sia l’industria debbano ricavarne l’invito a essere trasparenti e a lavorare insieme per spiegare bene alla gente cosa sia la nanotecnologia e come può essere utilizzata nei prodotti alimentari”.

Infatti, una delle esigenze dei consumatori riguardava una maggiore trasparenza circa gli sviluppi della ricerca e la creazione di un registro degli alimenti che utilizzano le nanotecnologie, elaborato da un organismo indipendente da interessi industriali. Detto fatto: la Food Standards Agency sta già raccogliendo informazioni sull’utilizzo delle nanotecnologie nei prodotti alimentari allo scopo di creare un registro inglese degli alimenti in cui vengono impiegate.

Stefania Cecchetti

Foto: Photos.com

Ilfattoalimentare.it si è occupato di nanotecnologie nei seguenti articoli:

Nanotecnologie: la regolamentazione prossima ventura

Germania, l’Agenzia per la sicurezza dice no alle nanoparticelle

Troppi dubbi sulle nanoparticelle presenti in oltre 1000 beni di consumo. Il parere dell’Agenzia francese Afsset e del JRC

Le nanoparticelle si avvicinano al cibo, scattano paure, tabù e speranze

In Europa triplica in numero di prodotti e di alimenti contenenti nanoparticelle

 

Avatar

Guarda qui

alimenti cibo dieta verdure pollo pesce salute

Aumentano le notifiche al sistema di allerta Rasff. Nel rapporto 2019 boom di segnalazioni per la Salmonella nel pollo dalla Polonia

Nel 2019 sono tornate a crescere le notifiche trasmesse attraverso il Sistema di allerta rapido …