Home / Pianeta / California, medici e dentisti al contrattacco sulla Soda Tax. Proposto un referendum per istituire una tassa statale, dopo il divieto di quelle locali

California, medici e dentisti al contrattacco sulla Soda Tax. Proposto un referendum per istituire una tassa statale, dopo il divieto di quelle locali

bibiteLe associazioni di medici e dentisti californiani hanno reagito alla nuova legge statale che vieta a città e contee di imporre nuove tasse sui generi alimentari, comprese le bevande zuccherate, per i prossimi 12 anni, fino alla fine del 2030 e hanno proposto un referendum per introdurre una Soda Tax a livello statale, restituendo alle autorità locali la facoltà di imporne di proprie. Se l’iniziativa andrà a buon fine, gli elettori californiani saranno chiamati a votare sulla proposta referendaria della California Medical Association e della California Dental Association, che riuniscono circa 70 medici medici e dentisti, nel 2020.

La legge californiana che vieta le tasse alimentari locali è stata approvata in cambio del ritiro di un’altra richiesta di referendum avanzata dai produttori di bevande, rappresentati dall’American Beverage Association, che avrebbe reso più difficile l’imposizione di qualsiasi tassa da parte delle autorità locali, con il rischio di trovarsi in forte difficoltà a garantire i servizi essenziali.

Le associazioni dei medici e dei dentisti californiani sottolineano che “esistono prove schiaccianti del legame tra obesità, diabete, carie, malattie cardiache e il consumo di bevande zuccherate, come bibite analcoliche, energy drink, tè dolci e bevande sportive. In tutto il mondo e nelle comunità locali, tasse ragionevoli sulle bevande zuccherate si sono dimostrate efficaci nel ridurne drasticamente il consumo e migliorare la salute pubblica, specialmente tra i bambini”.

Per questo, medici e dentisti vogliono “garantire che gli elettori della California abbiano l’opportunità di proteggere il benessere dei nostri figli, anziché i margini di profitto” dei produttori di bevande analcoliche zuccherate.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Termopolio-Regio-V pompei nereide cavalli marini

Il fast food al tempo dei romani: ritrovati a Pompei oltre 80 termopoli, i locali preferiti dell’Antica Roma per un pasto al volo

Si chiamavano thermopolia, ed erano gli equivalenti pompeiani dei moderni fast food, perché lì si …