Home / Sicurezza Alimentare / McDonald’s carne scaduta importata dalla Cina utilizzata per gli hamburger anche da altre catene di fast food

McDonald’s carne scaduta importata dalla Cina utilizzata per gli hamburger anche da altre catene di fast food

McDonald's Hamburger  fast food
A Shangai si scopre società cinese che vende a McDonald’s carne scaduta

Nuovo scandalo alimentare in Cina, questa volta protagonista è la sussidiaria cinese di un’azienda statunitense, la OSI Group, che fornisce carne di manzo e di pollo a varie catene di fast food, tra cui McDonald’s, KFC e Pizza Hut. Un’inchiesta della Dragon Tv di Shangai ha documentato come carne scaduta sia stata lavorata una seconda volta  negli impianti cinesi della Shanghai Husi Food Company, mischiata a carne fresca, e inviata ai fast food per essere cucinata. La carne della Shangai Husi è arrivata, attraverso un intermediario, anche a Starbucks e alla catena cinese di fast food Dicos. Ikea ha detto di essersi rifornita di carne di pollo dalla Shangai Husi dal settembre 2012 all’agosto 2013.

 

Una parte dell’inchiesta televisiva, sottotitolata in inglese, è stata pubblicata dal South China Morning Post. Il video propone anche stralci dell’interrogatorio condotto dalla polizia cinese al responsabile qualità della fabbrica, che nel frattempo le autorità sanitarie hanno provveduto a chiudere. L’uomo, arrestato insieme ad altri quattro funzionari della Shangai Husi Food, dichiara che l’utilizzo della carne ben oltre la data di scadenza era autorizzato dai dirigenti e andava avanti da diversi anni. Ispezioni sono in corso in altre fabbriche della Husi Food in Cina. In un comunicato la OSI Group statunitense ritiene che si tratti di un caso isolato, anche se si assume la piena responsabilità della situazione e assicura che adotterà le azioni appropriate.

 

McDonald's Retains Rank As Largest Single Restaurant Brand In The World According To 2012 Sales Report
La carne scaduta mischiata a quella fresca veniva venduta ai fast food tra cui McDonalds

In gennaio, come riferisce l’agenzia Reuters, un ex-dipendente della Shangai Husi Food, che aveva lavorato nel reparto controllo qualità per sei anni, fino al 2013, aveva visto archiviare la propria denuncia, in cui chiedeva un risarcimento per i danni alla salute subiti a causa dell’uso del cloro, utilizzato come detergente. Nella denuncia il lavoratore affermava di esser stato costretto a cambiare le date di produzione della carne. L’uomo aveva ripetutamente chiesto alla compagnia di modificare questi comportamenti, ma le richieste erano state ignorate. Il tribunale aveva ritenuto insufficienti le prove portate dal lavoratore e aveva archiviato il caso.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: istockphoto.com

 

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

 

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

topo cucina piatto igiene padella

Bassi standard igienici nei ristoranti di Just Eat e Deliveroo. L’inchiesta della BBC

Quando si va al ristorante può capitare di trovare le tovaglie macchiate, le posate sporche, …

Un commento

  1. Avatar

    Se ci fosse uno stato, degno di questo nome, di questa convenzione umana, aziende come la MD chiuderebbero una settimana dopo.
    Purtroppo siamo incapaci poiché la nostra disinformazione e la nostra manipolazione sono a i massimi livelli. Neanche un dingo o un cane della prateria mangerebbe carne da MD, mentre l’uomo si.
    Il paradosso è che colossi come MD non chiuderanno mai, mentre tempo fa l’Europa aveva messo quasi fuori gioco le nostre tipicità casearie perché non erano igenicamente coerenti con i parametri da loro imposti.

    Diffondete questi post, sempre. Verrà un giorno che le masse inizieranno a capire.