Home / Pianeta / “La mafia si siede a tavola” non può essere un marchio europeo della ristorazione. Il Tribunale dell’Ue dà ragione all’Italia: è contrario all’ordine pubblico

“La mafia si siede a tavola” non può essere un marchio europeo della ristorazione. Il Tribunale dell’Ue dà ragione all’Italia: è contrario all’ordine pubblico

la mafia ristorante spagna camerieraL’Italia ha ottenuto dal Tribunale dell’Unione europea l’annullamento del marchio La Mafia se sienta a la mesa (La Mafia si siede a tavola) come marchio dell’Ue riconosciuto dall’ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale (Euipo). Secondo il Tribunale dell’Ue, il marchio “rinvia ad un’organizzazione criminale, trasmette un’immagine complessivamente positiva di tale organizzazione e banalizza i gravi attacchi sferrati da detta organizzazione ai valori fondamentali dell’Unione. Tale marchio è pertanto di natura tale da scioccare o offendere non solo le vittime di detta organizzazione criminale e le loro famiglie, ma anche chiunque, nel territorio dell’Unione, si trovi di fronte il marchio e abbia un normale grado di sensibilità e tolleranza, motivo per cui deve essere dichiarato nullo”.

La registrazione de La Mafia se sienta a la mesa come marchio dell’Ue, in particolare per i servizi di ristorazione, era stato richiesto nel 2006 all’Euipo dalla società spagnola La Honorable Hermandad, alla quale è poi succeduta La Mafia Franchises. Nel 2015 l’Italia aveva chiesto all’Euipo di dichiarare nullo il marchio, perché contrario all’ordine pubblico e al buon costume. La domanda era stata accolta, perché secondo l’Ufficio Ue per la proprietà intellettuale il marchio promuove palesemente l’organizzazione criminale e l’insieme degli elementi verbali trasmette un messaggio di convivialità e banalizzazione.

La Mafia Franchises ha fatto ricorso al Tribunale dell’Ue, sostenendo che l’obiettivo del marchio è quello di evocare la saga cinematografica Il Padrino e non di scioccare o di offendere. Il Tribunale ha però confermato la decisione dell’Euipo, ritenendo che “la notorietà acquisita dal marchio della società spagnola nonché la sua idea di ristoranti a tema legati ai film della saga Il Padrino sono privi di pertinenza al fine di valutare se il marchio sia contrario all’ordine pubblico” e non hanno alcuna incidenza sulla percezione negativa di tale marchio da parte del pubblico

Il Tribunale sottolinea che l’elemento verbale “la mafia” – percepito in modo profondamente negativo in Italia, a causa dei gravi attacchi perpetrati nei confronti della sicurezza dello Stato – domina il marchio della società spagnola ed “è globalmente inteso come facente riferimento ad un’organizzazione criminale che, in particolare, ha fatto ricorso all’intimidazione, alla violenza fisica e all’omicidio per svolgere le sue attività, che comprendono il traffico illecito di droghe e di armi, il riciclaggio di denaro e la corruzione”. Secondo il Tribunale, “simili attività criminali violano i valori stessi sui quali si fonda l’Unione, in particolare, i valori del rispetto della dignità umana e della libertà, che sono indivisibili e costituiscono il patrimonio spirituale e morale dell’Unione”.

Fonte immagine: © Associated Press

© Riproduzione riservata

Ogni giorno oltre 40mila persone ci seguono.
Siamo indipendenti e liberi da logiche politiche e aziendali. Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori che coprono il 20% delle spese

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Il sogno impossibile delle bottiglie in bioplastica per l’acqua minerale. Manca il sistema di riciclaggio

Da alcuni anni sono sul mercato bottiglie in bioplastica compostabile (meglio conosciuto come pla o …