Home / Pubblicità & Bufale / La pubblicità di Mineracqua denigra l’acqua del rubinetto ed è stata censurata dal Giurì. Le motivazioni della sentenza

La pubblicità di Mineracqua denigra l’acqua del rubinetto ed è stata censurata dal Giurì. Le motivazioni della sentenza

La campagna pubblicitaria promossa  da Mineracqua  (associazione nazionale che riunisce i produttori di acqua minerale) è stata giudicata ingannevole  dal Giurì dell’Autodisciplina pubblicitaria il 30 novembre 2010.  La campagna caratterizzata dallo slogan “Acqua minerale. Molto più che potabile” secondo la  sentenza  è stata impostata  per “ingenerare nel pubblico   convinzioni errate e timori non giustificati  sulla sicurezza  dell’acqua potabile per la salute dei consumatori“.
Secondo il Giurì la frase in cui Mineracqua dichiara che l’acqua del rubinetto per diventare pura  deve essere trattata e disinfettata con cloro, non  è corretta perchè le acque di rubinetto non superficiali (estratte dai pozzi)  sono già potabili  senza trattamento con il cloro.
Anche la frase del manifesto dove si dice che l’acqua del rubinetto è trasportata per chilometri  in tubature, può suscitare nel lettore una diffidenza irrazionale non motivata da argomenti oggettivi.
Nel testo si dice che l’acqua potabile può essere erogata anche quando non rispetta i parameri di legge grazie al sistema della deroghe. Secondo il Giurì questo concetto  evoca un’immagine dell’acqua di rubinetto  che non corrisponde alla realtà. La sentenza sostiene che la pubblicità di Mineracqua fa leva su dati parziali o suggestioni  per gettare ombre e discredito  sull’acqua degli acquedotti.
L’iniziativa messa a punto per rispondere alla campagna firmata da Coop a favore del consumo dell’acqua di rubinetto è quindi stata bocciata.  L’intenzione di “dare ai consumatori le informazioni necessarie per fare una scelta consapevole tra acqua del rubinetto e acqua in bottiglia”  è legittima dice il Giurì ma Mineracqua si è spinta oltre è ha finito con il denigrare l’acqua che bevono gli italiani.
© Riproduzione riservata
Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Belli dentro e belli fuori LA7 tv

Uliveto: il filmato proposto da “Belli dentro, belli fuori” è pubblicità mascherata. Quinta censura per l’acqua minerale della Cogedi

AGGIORNAMENTO del 16 aprile 2019 Il 15 aprile 2019, in risposta a una nuova richiesta …