Home / Sicurezza Alimentare / Insalate in busta: uno studio dell’Istituto Zooprofilattico di Torino ha seguito e analizzato il prodotto dalla terra alla tavola

Insalate in busta: uno studio dell’Istituto Zooprofilattico di Torino ha seguito e analizzato il prodotto dalla terra alla tavola

Le insalate pronte confezionate in busta sono abbastanza sicure. È quanto emerge dall’analisi condotta dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta su 305 campioni divisi in due gruppi. Il primo comprende 146 cespi di insalata I gamma, cioè appena raccolta, e il secondo 159 di IV gamma, ossia già lavata e confezionata in busta pronta per essere venduta. La novità del progetto, finanziato dal Ministero della salute, è che le insalate sono state controllate all’origine e poi tracciate lungo tutta la filiera, fino a ri-testarle quando erano confezionate e pronte per essere immesse sul mercato.

Si è quindi fatta un’analisi abbinata per cui ad ogni campione appena raccolto, corrispondeva un “gemello” al supermercato. Sono inoltre state testate altre 13 insalate pronte alla vendita, come controllo aggiuntivo. Il lavoro è stato realizzato sul prodotto di due aziende, una di grandi dimensioni leader del settore e una più piccola che distribuisce all’ingrosso.

Tipo di insalata
Campioni esaminati
 Lactuca sativa (lattughino)   49
 Valerianella locusta (songino)  118
 Eruca sativa (rucola selvatica)  119
 Misticanza 19

Su tutti i campioni, sia di I che di IV gamma, è stata eseguita un’analisi microbiologica per individuare i più importanti batteri patogeni. In un solo caso si è riscontrata la presenza di Salmonella sulle foglie appena raccolte, non confermata però nel prodotto confezionato.

«Il secondo esame, di tipo ispettivo, ha interessato solo le insalate pronte. – Spiega Lucia Decastelli Responsabile del laboratorio Controllo Alimenti dell’Istituto Zooprofilattico di Torino – L’analisi si fa scandagliando il campione foglia per foglia in cerca di reperti macroscopici anomali (foglie ammuffite, cultivar non previste) o corpi estranei (torba, terra, sabbia, sassolini). Ovviamente l’esame visivo sulla I gamma non avrebbe senso perchè il prodotto deve ancora essere lavorato (mondato, lavato, selezionato)»

Insalata confezionata
Solo 8 campioni di insalata confezionata, pari al 2,6%, sono risultati non conformi

L’esame è andato abbastanza bene visto che solo 8 campioni, pari al 2,6%, sono risultati non conformi. Questo perché si sono trovati: foglie di insalata con zone apicali ammuffite, vegetali non ascrivibili alla cultivar, presenza di un corpo estraneo di colore marrone scuro (1 cm x 0,5 cm), songino con radici di lunghezza superiore ai 7mm (limite di tollerabilità fissato dal sistema qualità delle aziende partecipanti al progetto) e un grosso granello si sabbia di circa 2 mm».

«L’esito dell’indagine è stato positivo, – conclude Decastelli – perché le insalate in busta da noi analizzate sono ottenute partendo da una buona materia prima cui segue il lavaggio delle foglie fatto con cura come le ulteriori verifiche. Occorre comunque ricordare che le insalate in busta rappresentano un alimento molto delicato, per il quale è necessario mantenere sempre la catena del freddo dopo l’acquisto, e seguire le istruzioni per evitare l’alterazione delle caratteristiche organolettiche e la proliferazione batterica».

Il periodo di conservazione indicato è in media di 5-7 giorni (a seconda anche dalla stagione), ma è meglio consumarle prima, in particolare se si apre la confezione.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

White pills

Il sucralosio potrebbe essere pericoloso per la salute. Se riscaldato dà origine a diossine e furani, secondo il Bfr tedesco

Il sucralosio, dolcificante artificiale 600 volte più dolce dello zucchero (saccarosio), due volte più della …

6 Commenti

  1. Giuseppe Pastano

    Qui facciamo come il pangasio che prima non era buono e adesso è ottimo.
    prima si sconsigliava l’insalata in busta ,sia per il costo e sia percè era lavata con candeggina e poi negli ultimi giorni prima della scadenza era piena di batteri.
    Poi sarebbe lecito conoscere le Ditte esaminate,il nome
    e la località dove risiedono.
    ecc. Saluti
    Qui ognuno dice la sua e bisogna
    sapere se dietro ci sono degli interessi…………..

  2. Unico neo della IV gamma: l’insalata costa ben quattro volte quanto costerebbe quella acquistata tal quale. Comprendo che è comodo aprire la busta e avere l’insalata tagliata e pronta, ma il costo, secondo me, non giustifica l’operazione.
    Io compro sempre l’insalata tal quale.

  3. Pietro Perrino

    Si, ma il valore nutritivo?

  4. Ilfattoalimentare
    Ilfattoalimentare

    Lo scopo del sito è quello di informare. Nello specifico abbiamo ritenuto utile riferire i risultati di questo studio, effettuato non da unâ

  5. Concordo con la redazione .Purtroppo quando si parla di sicurezza alimentare vi e sempre la diabolica tendenza ad esasperare le argomentazioni .

    ILa sicurezza alimentare sicuramente presenta una vasta di problematiche ma il vole cercare a tutti i costi lo scandalo e la non conformità (A volte con vere proprie panzane mediatiche) e un gioco alla lunga potenzialmente devastante per i danni che può indurre (Vedi varie panzane degli ultimi tempi)

  6. salve, vi segnalo che un altro studio ha dato risultati palesemente opposti e mi domandavo come sia possibile una tale discordanza. ho trovato notizia su virgilio (verdura confezionata ricettacolo di batteri) e volevo una vostra opinione, se fosse possibile. grazie