Home / Pianeta / Ikea studia il cibo del futuro e presenta cinque specialità a base di insetti, alghe e micro verdure idroponiche

Ikea studia il cibo del futuro e presenta cinque specialità a base di insetti, alghe e micro verdure idroponiche

dogless hotdog ikea space10Ikea ha presentato cinque specialità per il fast food del futuro, che sta progettando nel suo laboratorio Space10 di Copenaghen, utilizzando prodotti sani o sostenibili, ma anche deliziosi.” Secondo Ikea “Per cambiare la mentalità delle persone sul cibo e introdurre nuovi  ingredienti non possiamo semplicemente attirare l’intelletto, dobbiamo titillare le loro papille gustative”.

Il primo piatto è il Dogless Hotdog, che contiene più proteine di un “vero” hot dog, ma è fatto con carote baby secche e glassate, ketchup di barbabietola e bacche, crema di senape e curcuma, cipolle arrostite, insalata di cetrioli e un mix di insalata di erbe. Ma il punto di forza è il panino, fatto con la spirulina, una microalga che contiene più beta carotene delle carote, più clorofilla dell’erba di grano (wheatgrass) e 50 volte più ferro di spinaci.

neatball ikea space10
Il laboratorio Space10 di Ikea ha immaginato il cibo da fast food del futuro con ingredienti alternativi e sostenibili

Il secondo piatto è il Bug Burger, realizzato con 100 grammi di barbabietola, 50 di pastinaca (un tubero), 50 di patate e 50 di vermi della farina. Il Bug Burger viene servito su un panino di farina bianca, condito con salsa Relish ai cetrioli, ketchup di ribes nero, erba cipollina, insalata mista idroponica.

La terza specialità allo studio sono le Neatball, le due ultime versioni delle polpettine Ikea, una fatta con radici, come carote, barbabietole e pastinaca, e l’altra con vermi della farina. C’è poi la Lokal Salad, un misto di micro verdure idroponiche e come dessert il Microgreen Ice Cream, un gelato a base di erbe e micro verdure in vari gusti, come finocchio, coriandolo, basilico e menta.

Fonte immagini: Kasper Kristoffersen, Space10

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

bottiglie plastica mare inquinamento

Acqua minerale: i consumi italiani sono da record mondiale. Un disastro ambientale ed economico, ma l’industria è soddisfatta

Gli italiani sono i più grandi bevitori di acqua minerale in bottiglia al mondo. I …

2 Commenti

  1. E le tavolette di Soylent Verde (“più umane dell’umano”, per aggiungere un’atra citazione) a quando?
    Ma che se li mangino i ricchi gli insetti, visto che sono così solerti nella loro (ipocrita) “coscienza ambientale”!

  2. Tutto, ma vermi e insetti… non ce la posso fare!