Home / Pianeta / Ikea non vende più cannucce di plastica, ma solo nel Regno Unito e in Irlanda. In Italia continua la vendita

Ikea non vende più cannucce di plastica, ma solo nel Regno Unito e in Irlanda. In Italia continua la vendita

ikea cannuccia the last strawDal 1° ottobre, Ikea non vende più cannucce di plastica nei negozi del Regno Unito e dell’Irlanda e non le usa neppure nei ristoranti e bistro. Per rendere più visibile la decisione, la compagnia svedese ha esposto l’ultimo esemplare di cannuccia al Museo del Design di Londra, dove ha realizzato un’installazione temporanea, intitolata The Last Straw, invitando i consumatori ad essere più coscienziosi dal punto di vista ambientale.

L’iniziativa in Regno Unito e Irlanda viene presentata come il primo passo che porterà alla rimozione di tutti gli oggetti di plastica monouso in tutti i negozi dei 29 Paesi in cui Ikea è presente. “Il mondo sta cambiando a un ritmo rapido e sono necessarie azioni coraggiose e urgenti per fronteggiare le sfide di sostenibilità che stiamo affrontando. L’inquinamento da plastica è una questione critica da affrontare urgentemente per un futuro più sostenibile ed è qualcosa a cui i nostri clienti e collaboratori sono attivamente interessati”, ha dichiarato Hege Sæbjørnsen, Country Sustainability Manager di Ikea UK e Irlanda. “Rispondendo e agendo rapidamente per rimuovere le cannucce di plastica monouso, speriamo di alimentare l’energia alla base di questo movimento e consentire alle persone di vedere le centinaia di altre piccole azioni che tutti possiamo intraprendere nella nostra vita quotidiana per avere un impatto positivo sul mondo prezioso intorno a noi”.

In Italia, intanto, da Ikea continuano ad essere vendute le confezioni da 200 cannucce multicolori.

Fonte immagine: The Last Straw, Ikea

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Termopolio-Regio-V pompei nereide cavalli marini

Il fast food al tempo dei romani: ritrovati a Pompei oltre 80 termopoli, i locali preferiti dell’Antica Roma per un pasto al volo

Si chiamavano thermopolia, ed erano gli equivalenti pompeiani dei moderni fast food, perché lì si …

Un commento

  1. Quando leggo queste notizie mi vengono in mente sempre le stesse considerazioni:
    La prima è che a chi interessa questo genere di notizie probabilmente o non compra o ricicla correttamente,
    la seconda è “con cosa vengono sostituite? E i costi?”
    la terza è sempre una domanda… E l’invenduto?
    Non lo dico con sarcasmo ma mi piacerebbe davvero sapere se in questi casi si cambia da un giorno con l’altro e i resti di magazzino vengono mandati al macero o se viene venduto fino all’ultimo campione disponibile e poi si cambia.
    Stesse considerazioni per i famigerati sacchetti dell’ortofrutta in Italia. Tutte le scorte di sacchettini di plastica che fine hanno fatto…?!