; Obesità: nella Giornata mondiale, priorità alla vaccinazione anti-Covid19
Home / Nutrizione / Giornata mondiale dell’obesità, priorità alla vaccinazione anti-Covid19 alle persone obese

Giornata mondiale dell’obesità, priorità alla vaccinazione anti-Covid19 alle persone obese

Fat boy with overweight checking out his weight isolated on white background

Giovedì 4 marzo è il World Obesity Day, la giornata internazionale dell’obesità,  celebrata dalla World Obesity Federation da tutte le organizzazioni, istituzioni e società scientifiche che si occupano di sensibilizzare la popolazione su questa patologia. L’ADIAssociazione italiana di dietetica e nutrizione clinica a partire da oggi, con cadenza mensile, lancia sui propri profili social Facebook, Twitter, Linkedin e sul sito Adiitalia.org, la campagna di prevenzione e informazione “Diamogli peso”,  rivolta alla popolazione e legata ai vari aspetti e alle criticità della nutrizione. L’obiettivo è dare la giusta rilevanza ad ambiti della nutrizione spesso sottovalutati, a causa della tendenza ad associare l’alimentazione a concetti come dieta, perdita di peso o forma fisica. La situazione da noi non è certo brillante visto che in italia il 31% della popolazione adulta e classificata come in sovrappeso. A questo valore si somma il 10,8% di adulti considerati obesi, mentre tra i bambini  la media è del 20,4 % per quelli in sovrappeso eia 9,4% di obesi con un trend in calo negli ultimi anni.

La campagna ADI si concentrerà ogni mese su tutte le sfumature che riguardano la nutrizione, a partire dal trattamento di una malattia come l’obesità, passando per la malnutrizione, l’alimentazione nel bambino, nell’adulto e nel soggetto anziano, fino alla sostenibilità e ai disturbi del comportamento alimentare. Ad aprire il ciclo di appuntamenti, giovedì 4 marzo, sarà il tema dello stigma del peso.

ospedale medico misura girovita paziente obeso obesita sovrappeso
Obesità, la campagna ADI si concentrerà ogni mese su tutte le sfumature che riguardano la nutrizione

“Le convenzioni sociali e le rappresentazioni mediatiche del paziente affetto da obesità, considerato spesso il solo colpevole della sua patologia, rafforzano stereotipi che alimentano lo stigma del peso e della persona – spiega Maria Grazia Carbonelli  coordinatrice per ADI del Gruppo di studio Grave Obesità – Questa colpevolizzazione può avere un impatto negativo sulla salute fisica, psicologica e sociale di pazienti che spesso appartengono a categorie fragili sia da un punto di vista economico che di istruzione, favorendo una discriminazione sull’accessibilità e sull’appropriatezza e qualità delle cura offerte alle persone affette da questa malattia. Per questo è fondamentale affrontare l’argomento anche  sui social dove gli episodi di bullismo e odio sono all’ordine del giorno. Allo stesso tempo è necessario che anche le istituzioni, l’opinione pubblica e gli stessi operatori sanitari adeguino il linguaggio e le immagini utilizzati sull’obesità e che la descrivano in modo corretto e accurato, trattandola per quello che è: una malattia e non un problema estetico”.

Affrontare l’obesità quale patologia significa lavorare in maniera multidisciplinare e multi professionale con tutte le figure che si occupano di essa dalla sensibilizzazione al problema fino al trattamento della malattia stessa – dichiara Giuseppe Malfi, presidente ADI nel corso del suo intervento alla conferenza istituzionale World Obesity Day 2021– . Solo riconoscendo l’obesità come malattia e affrontandola come tale a più livelli possiamo rendere omogenea l’assistenza sanitaria e abbattere le barriere dei sensi di colpa e dei pregiudizi socio-culturali. A questo proposito come ADI condividiamo l’appello lanciato dall’Associazione Medici Endocrinologi di dare priorità d’accesso alla vaccinazione anti-Covid anche alle persone obese, in quanto soggetti affetti da patologia e pertanto esposti a un rischio maggiore di contrarre in virus”.

© Riproduzione riservata. Foto: Stock.adobe.com

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Sara Rossi

Sara Rossi
giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Il cibo a colori: i benefici di una dieta ricca di frutta e verdura variopinta su Almanacco della Scienza

Rosso, viola, verde, giallo, bianco, blu, arancione. Sono tantissimi i colori della frutta e della …