Home / Pianeta / Sempre in crescita la vendita di frutta e verdura biologiche. Una ricerca di Nomisma sui consumi nella grande distribuzione organizzata

Sempre in crescita la vendita di frutta e verdura biologiche. Una ricerca di Nomisma sui consumi nella grande distribuzione organizzata

biologico
La vendita di frutta e verdura bio è cresciuta del 28% rispetto l’anno precedente

In Italia, tra marzo 2016 e marzo 2017, le vendite di frutta e verdura biologiche a peso imposto, cioè preconfezionate, hanno raggiunto i 147 milioni di euro nei soli supermercati e ipermercati, segnando un aumento del 28% rispetto all’anno precedente, a fronte di un +9% delle vendite di ortofrutta in generale. Il biologico rappresenta il 4,4% sul totale delle vendite di ortofrutta e il 60% delle famiglie italiane ha acquistato frutta e verdura a marchio biologico in almeno un’occasione nel 2016. È quanto emerge da una ricerca Nomisma.

Tra i fattori che spingono in alto l’interesse verso il biologico vi sono reddito e istruzione. L’interesse per l’ortofrutta fresca biologica, poi, è influenzato dagli stili alimentari: 84% nei vegetariani e 83% tra i vegani, mentre tra chi segue la dieta macrobiotica la quota è superiore al 90%.

Le famiglie con figli sotto i 12 anni sono più interessate all’acquisto di prodotti biologici

Anche nei nuclei con figli di età inferiore a 12 anni l’interesse per l’ortofrutta fresca biologica è più alto: le famiglie acquirenti in questo segmento sale al 72% contro il 56% delle famiglie senza figli conviventi o con figli già adolescenti.

Per il 24% degli acquirenti, il primo motivo di acquisto di frutta e verdura biologiche è perché sono più sicure per la salute, per il 23% è perché sono più rispettose dell’ambiente e per il 16% perché sono facilmente accessibili, essendo disponibili nei supermercati abitualmente frequentati.

Il fatto che il biologico sia percepito come un sinonimo di grande qualità è dimostrato dal 63% di acquirenti secondo i quali l’ortofrutta fresca biologica ha caratteristiche organolettiche superiori a quella convenzionale.

© Riproduzione riservata

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

meloni frutta giappone coltivare serra

Un’anguria da 5.000 euro! Ecco i tre frutti più cari al mondo venduti in Giappone raccontati in un articolo di Italia Fruit News

La rivista online Italia Fruit News ha pubblicato un interessante articolo su alcuni costosissimi frutti …