Home / Pianeta / FoodRisc: l`Europa valuta come comunicare il rischio alimentare senza allarmismi inutili come succede abitualmente in Italia

FoodRisc: l`Europa valuta come comunicare il rischio alimentare senza allarmismi inutili come succede abitualmente in Italia

L’allarmismo alimentare è un’abitudine del mondo mediatico italiano sempre pronto a trasformare le sofisticazioni, le contaminazioni e persino le nuove leggi europee in catastofi culinarie.  Basta  ricordare la vicenda della mozzarella blu ( prodotta in decine di aziende casearie sia  straniere che italiane) che pur essendo caratterizzata da un rischio di patologie scarsissimo, è diventata una questione nazionale, utile per  sollevare assurde rivendicazioni di stampo “leghista”, sull’origine e sulla produzione della mozzarella.

Per rimediare a questi problemi, l’Unione Europea ha finanziato con 2,97 milioni di euro il progetto Foodrisc (Food Risk Communication). Lo scopo è informare correttamente i cittadini sui reali rischi alimentari, limitando  le perdite  economiche legate ad allarmismi inutili.
Il progetto si concluderà nel 2013 ed è coordinato dal Professor Patrick Wall dell’Istituto dell’University College Dublin. Insieme a lui ci sono esperti provenienti da Belgio, Germania, Spagna, Italia, Lettonia, Paesi Bassi, Portogallo e Regno Unito che si occupano di comunicazione del rischio nell’industria, nell’università e negli istituti di ricerca.

“Alcuni dei recenti allarmi sull’alimentazione, come quello dell’encefalopatia spongiforme bovina (Bse), la contaminazione da diossina in Belgio e Irlanda e la contaminazione del latte con la melammina in Cina hanno compromesso la fiducia dei consumatori” afferma Áine McConnon dell’University College Dublin, project manager di FoodRisc. “Oggi che l’industria alimentare produce e distribuisce su scala globale è necessario comprendere e utilizzare tutte le possibili forme di comunicazione”. Il progetto valuterà anche la possibilità di diffondere notizie utilizzando  i social-networks  visto che il  numero di utenti in Europa ha superato quello degli Stati Uniti.

Uno degli obiettivi è creare un format per la comunicazione dei rischi alimentari, inserendo oltre alla segnalazione una valutazione del pericolo effettivo per i cittadini. Il format dovrebbe inoltre servire ai media, ai politici e  alle autorità sanitarie  per comunicare con maggiore  attenzione e senza allarmismi le notizie.

Roberto La Pira

Per maggiori informazioni:
http://www.foodrisc.org/

Foto:Photos.com

 

Avatar

Guarda qui

agricoltura bio biologico campi coltivare

Biologico: cresce la superficie agricola (+2%) e il numero di consumatori. I risultati del “Rapporto Bio 2020”

FederBio annuncia che in Italia continua la crescita delle superfici di terreno destinato a colture …