Home / Pianeta / Filiera agroalimentare top, è il primo settore economico italiano. Ma i supermercati guadagnano meno di quanto pensiamo…

Filiera agroalimentare top, è il primo settore economico italiano. Ma i supermercati guadagnano meno di quanto pensiamo…

ambrosetti filiera agroalimentareDal campo alla tavola del ristorante, l’intera filiera agroalimentare rappresenta il primo settore economico in Italia, ma i guadagni non vengono ripartiti come spesso si immagina. Lo rivela uno studio di The European House Ambrosetti, che ha analizzato tutte le componenti del comparto agroalimentare esteso italiano – agricoltura, industria trasformatrice, intermediazione, distribuzione e ristorazione – scoprendo che ogni anno genera un fatturato di 538,2 miliardi di euro.

Eppure ogni 100 euro spesi dai consumatori italiani in acquisti alimentari nel 2017, l’utile delle imprese della filiera è di appena 5,1 euro. Dei restanti 94,9 euro, il 32,8% va alle aziende che forniscono servizi (logistica, packaging e utenze), il 31,6% al personale, il 19,9% va allo stato in tasse, e il resto si perde tra fornitori di macchinari e immobili, banche e importazioni.

ambrosetti filiera agroalimentare ripartizioneMa secondo lo studio di Ambrosetti, anche la ripartizione di questi 5,1 euro è diversa da come spesso si sente dire. La maggior parte dei guadagni, il 43,1%, vanno all’industria di trasformazione, un grosso insieme di aziende che va dalle piccole imprese artigianali ai grandi produttori di merendine, come Barilla e Ferrero. Il 19,6% finisce nelle tasche di intermediari e grossisti, il 17,7% agli agricoltori e il 7,8% alla ristorazione. La distribuzione grande e piccola, invece, riceve solo l’11,8%, in calo rispetto alla precedente rilevazione del 2011 di quasi il 10%.

Fonte grafici: The European House Ambrosetti

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Olio di palma, violazioni dei diritti e della salute dei lavoratori nelle piantagioni in Congo. La denuncia di Human Rights Watch

In pochi anni Feronia e la sua consociata locale Plantations et Huileries du Congo S.A. …

Un commento

  1. Avatar

    Finalmente uno studio serio che conferma quello che sta accadendo in Italia e non solo, la tanto vituperata distribuzione, grande e piccola, è in crisi.
    E siamo solo agli inizi, sono probabili anzi certi migliaia di licenziamenti nei prossimi anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *