Home / Pianeta / Export alimentare USA: l’Italia è terza per numero di aziende esportatici negli Stati Uniti, ma ne perde 4 mila rispetto al 2016 (-39%)

Export alimentare USA: l’Italia è terza per numero di aziende esportatici negli Stati Uniti, ma ne perde 4 mila rispetto al 2016 (-39%)

Nel 2017 calano del 28% gli stabilimenti alimentari registrati dalla FDA rispetto all’anno precedente

Il 2 febbraio 2017 risultavano registrati 149.933 stabilimenti di imprese alimentari presso la US Food and Drug Administration (FDA), mentre al 1° gennaio 2016 erano 207.653. Si è assistito dunque ad una diminuzione del 28% del numero totale di impianti autorizzati ad operare nel mercato USA.

Gli stabilimenti nazionali attivi nel 2017 sono 78.957, in calo del 9% rispetto al 2016. Gli impianti esteri autorizzati ad esportare alimenti negli Stati Uniti sono in tutto 70.976, pari al 47% del totale, sono sparsi in 205 Paesi e segnano in diminuzione del 41% rispetto all’anno precedente.

La performance più sorprendente è quella della Repubblica Islamica dell’Iran, l’ex “Stato canaglia” che, passando dai 18 stabilimenti registrati nel 2016 ai 111 del 2017, segna uno strabiliante +517%.

L’Italia, con i suoi 6169 impianti registrati, si conferma il terzo paese esportatore negli Stati Uniti per numero di aziende, dopo Giappone e Francia, ma prima della Cina. Nell’ultimo anno, tuttavia, sono state quasi 4 mila le aziende cancellate dalle liste di importazione negli USA (-39%).

Stabilimenti alimentari registrati alla FDA (© Fabrizio de Stefani)

Questo forte calo degli stabilimenti alimentari autorizzati è il risultato della cancellazione delle registrazioni non adeguatamente rinnovate entro il 31 dicembre 2016, probabilmente a causa dei nuovi obblighi di verifica, che da quest’anno è stata condotta secondo le prescrizioni del Food Safety Modernization Act (Fsma). Secondo la nuova normativa USA, ogni azienda alimentare straniera deve richiedere la registrazione del proprio stabilimento alla FDA e poi rinnovarla ogni due anni (la prossima scadenza è fissata al 31/12/2018).

Per ottenere il Registration Number, inoltre, gli stabilimenti alimentari esteri devono essere rappresentati negli Stati Uniti da un agente (US Agent) che risieda o abbia un ufficio in territorio statunitense, con la funzione di tramite fra la FDA e l’impianto, sia per le normali comunicazioni che per le azioni da intraprendere in caso di emergenze.

In ogni caso, per evitare sequestri, sanzioni o altri provvedimenti amministrativi, è opportuno che tutte le aziende alimentari interessate verifichino che le loro registrazioni FDA siano state adeguatamente rinnovate per il 2017, prima di intrattenere rapporti commerciali negli USA.

Perché nell’era Trump è meglio non scherzare.

Fabrizio de Stefani

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Pita, Arabic bread

Il pane più antico potrebbe avere 14 mila anni. Archeologi trovano briciole in un focolaio datato 4 mila anni prima dell’agricoltura

Gli esseri umani hanno iniziato a mangiare il pane migliaia di anni prima che l’agricoltura …