Home / Pianeta / Mercato del biologico europeo: crescita a due cifre. Trasformatori e importatori aumentano più dei produttori

Mercato del biologico europeo: crescita a due cifre. Trasformatori e importatori aumentano più dei produttori

biologico
Nel 2015 il mercato del biologico è aumentato del 13% in Europa

In Europa, nel 2015, il mercato del biologico è aumentato del 13%, raggiungendo quasi i 30 miliardi di euro, di cui 27,1 nell’Unione europea. La crescita maggiore si è registrata in Italia e Francia, con un +15%, seguite dalla Germania (+11%). È la prima volta, dall’inizio della crisi finanziaria del 2008 che si registra una crescita a due cifre. È ciò che emerge dall’ultimo rapporto congiunto di FiBL (Forschunginstitut für biologischen Landbau) e Ifoam (International federation of organic agriculture movements) sull’agricoltura biologica.

Il principale mercato europeo è quello tedesco (8,6 miliardi di euro), seguito da quello francese (5,5 miliardi), britannico (2,6 miliardi) e italiano (2,3 miliardi). A livello globale, la Germania è il secondo mercato del biologico, dopo gli Stati Uniti, che nel 2015 hanno raggiunto i 35,8 miliardi di euro. Ogni anno i consumatori europei spendono sempre di più per gli alimenti biologici, con una media di 36,4 euro a persona in Europa e di 53,7 euro nell’Ue. La Svizzera è il paese con la più alta spesa pro capite per alimenti biologici in tutto il mondo (262 euro), seguita dalla Danimarca con 191 euro e dalla Svezia con 177 euro. Sono europei anche i paesi in cui il biologico ha la più alta percentuale nel mercato alimentare: 8,4% in Danimarca e 7,7% in Svizzera.

biologico
I consumatori europei spendono ogni anno sempre di più per l’acquisto di prodotti biologici

Il mercato dell’alimentare biologico cresce più rapidamente dell’agricoltura biologica che, però, nel 2015 è cresciuta anch’essa più che negli anni precedenti, con un +8,2%. Alla fine del 2015, i terreni coltivati in modo biologico erano pari a 12,7 milioni di ettari, di cui 11,2 milioni nell’Unione europea, rappresentando, rispettivamente, il 2,5% e il 6,2% del terreno agricolo totale. I paesi con le maggiori aree agricole biologiche sono la Spagna (1,97 milioni di ettari), l’Italia (1,49 milioni di ettari) e la Francia (1,37 milioni di ettari). In ognuno di questi tre paesi, nel 2015 l’area agricola biologica è aumentata di almeno 100.000 ettari.

In Europa ci sono quasi 350.000 produttori biologici, di cui 270.000 nell’Ue, mentre i trasformatori sono circa 60.000 e gli importatori quasi 3.700. Nel 2015, la crescita dei produttori è stata modesta – 3% in Europa e 5% nell’Ue – mentre quella dei trasformatori è aumentata del 13% e quella degli importatori del 19%. Secondo Matthias Stolze, di FiBL, “il fatto che il numero di trasformatori e importatori cresca più velocemente del numero di produttori è un indicatore del fatto che la produzione biologica non tiene conto della domanda. I paesi dovrebbero perseguire una strategia chiara nel settore biologico, sostenendo brevi catene di approvvigionamento, che forniscono benefici ambientali e sociali, favorendo anche la raccolta di dati statistici più accurati sul mercato del biologico”.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Pensive, thoughtful woman wearing protection handmade face mask during the quarantine of coronavirus infection outbreak. Copy, empty space for text

Mascherine di comunità: cosa sono e come si usano? Il vademecum con infografica dell’Istituto superiore di sanità

Ora che le mascherine sono obbligatorie sui mezzi pubblici, negli spazi chiusi e in alcune …