Home / Nutrizione / Energy drink: in Francia le autorità sanitarie segnalano otto decessi e un centinaio di casi con effetti collaterali a danno del cuore

Energy drink: in Francia le autorità sanitarie segnalano otto decessi e un centinaio di casi con effetti collaterali a danno del cuore

Heartache
Otto decessi e decine di casi con problemi cardiaci: sono gli effetti degli energy drink registrati in Francia

Almeno otto decessi e decine di casi di effetti cardiaci e psichiatrici. È preoccupante il bilancio delle conseguenze del consumo di energy drink in Francia presentato al congresso europeo di cardiologia svoltosi nei giorni scorsi a Barcellona da 15 tra cardiologi, psichiatri, psicologi e neurologi guidati da Milou-Daniel Drici, e rappresenta una conferma delle cautele e perplessità espresse da molti  esperti dove queste bibite sono diventate di massa.

 

Gli energy drink sono stati introdotti in Francia nel 2008, e l’anno successivo sono entrati a far parte di uno schema specifico di sorveglianza, grazie al quale tutti i casi di possibili eventi indesiderati, riferiti spontaneamente da chi ne è vittima, vengono registrati dalle autorità sanitarie locali e nazionali e, soprattutto, dall’agenzia per la sicurezza alimentare ANSES. Dai dati raccolti è emerso che tra il 2009 e la fine del 2012, sono stati segnalati 257 casi, 212 dei quali con informazioni sufficienti per effettuare una valutazione completa.

 

red bull
Gli energy drink possono contenere caffeina, taurina e glucuronolattone

In totale, 95 persone hanno avuto sintomi cardiovascolari, 74 psichiatrici e 57 neurologici, e molti ne hanno avuto più di uno insieme. Ci sono stati otto decessi, mentre 46 persone hanno sofferto di aritmie, 13 di angina e 3 di ipertensione. Il principale effetto indesiderato, osservato in 60 soggetti, è stato la sindrome da caffeina, cioè una tachicardia accompagnata da tremori, ansia e cefalea. Inoltre si sono avuti alcuni casi di decessi improvvisi e inspiegabili, aritmie gravi e infarti che potrebbero essere associati al consumo di energy drinks.

 

Secondo Milou-DanielDrici: «Il 96% dei cosiddetti energy drink è a base di caffeina, e una lattina media, da 250 ml, ne contiene quanto due espressi. La caffeina agisce liberando in misura massiccia calcio nel cuore, e questo può causare aritmie anche fatali, e compromettere la capacità del cuore di usare l’ossigeno, con danni su tutto l’organismo. Oltre alla caffeina, poi, il 52% di queste bibite contiene taurina, il 33% glucuronolattone e due terzi vitamine. I giovani, tipicamente, le consumano di sera, in bar e discoteche, spesso in dosi massicce per non sentire l’effetto dell’alcol che bevono durante la stessa serata, con gravi rischi di effetti sulla salute, di incidenti stradali e di gravi danni da eccesso di alcol. I ragazzi le consumano durante o dopo l’attività sportiva, rischiando di amplificare gli effetti negativi sul cuore».

 

sport energy drink
Il consumo di energy drink è da evitare prima e dopo l’attività sportiva poiché gli effetti negativi sul cuore vengono potenziati

Tra il 2009 e il 2011 le vendite di energy drink in Francia sono aumentate del 30%, raggiungendo la cifra 30 milioni di litri, il 40% dei quali è rappresentato dal brand più conosciuto. Oggi i prodotti in vendita sono 103, consumati in due casi su tre fuori casa. Il bilancio è  tutt’altro che rassicurante, e le dimensioni del mercato sono molto ampie. Per questo motivo Drici ricorda che: «Persone con aritmie catecolaminergiche, sindrome del Q-T lungo e angina non dovrebbero in nessun caso assumere queste bevande, che possono peggiorare le loro condizioni, con conseguenze anche fatali. Il pubblico in generale dovrebbe essere informato del fatto che gli energy drink sono assolutamente da evitare durante o subito dopo l’attività sportiva, e che il consumo insieme all’alcol peggiora i possibili danni di entrambi i tipi di sostanze. Infine – ha concluso – tutti coloro che ne fanno uso dovrebbero comunicarlo al proprio medico. I medici, dal canto loro, dovrebbero avvisare tutti i pazienti, soprattutto quelli a rischio cardiovascolare, dei pericoli associati a queste bibite, e chiedere ai più giovani se ne fanno uso regolare o addirittura eccessivo».

 Agnese Codignola

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

 

 

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Overweight business man eating with appetite a burger holding a can of soda drink

Troppi alimenti ultra-trasformati sono un rischio per la salute del cuore. Il monito dei cardiologi americani

Gli alimenti ultra-trasformati hanno un impatto significativo sulla salute globale del cuore, e per questo …