;
Home / Pianeta / Donne veterinarie: sono il 51,8% della categoria. Occorrono strumenti per bilanciare carriera e vita privata

Donne veterinarie: sono il 51,8% della categoria. Occorrono strumenti per bilanciare carriera e vita privata

controlli veterinari allevamento bovini vacche latte donneLe donne veterinarie sono il 51,8% della categoria professionale. Sono soprattutto libere professioniste, titolari di Partita Iva o a regime agevolato/forfettario, e ritengono “irrinunciabile” l’indipendenza economica (95%). Ma giudicano il proprio reddito “insoddisfacente” (44%) e per questo chiedono allo Stato politiche di sostegno economico-finanziario. Soprattutto per la maternità. Questi sono alcuni dei dati emersi da una ricerca condotta dall’Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani – ANMVI* sulla professione veterinaria al femminile, dalla quale emerge una questione di genere concreta e priva di luoghi comuni.

La maggioranza delle partecipanti (90%) è in attività professionale e il settore prevalente è la medicina veterinaria per animali da compagnia. Ha un’età compresa fra i 30 i 50 anni (il 64% del campione) ha almeno un figlio (48%) e vorrebbe più tempo da dedicare alla famiglia attuale o di origine (70%). Le veterinarie chiedono di non dover essere costrette a scegliere fra vita extra-professionale e carriera professionale. Dal punto di vista lavorativo si trovano prevalentemente (42%) in posizioni di collaborazione presso realtà societarie o associative delle quali sono ancora poche quelle al vertice come direttrici sanitarie, comproprietarie di quote o titolari (23%). L’80% delle partecipanti non ha mai ricoperto ruoli di vertice in ambito veterinario.

Il 45% delle intervistate intravvede un’esposizione al rischio di discriminazione e di violenza di genere

La dimensione donna entra davvero in gioco quando si tratta di maternità e genitorialità. L’88% chiede sostegni strutturali allo Stato più che alle organizzazioni di categoria. Il 51,5% vorrebbe sostegni al lavoro domestico per poter ridurre il carico di lavoro extra professionale. Conciliare il tempo di lavoro con quello extra-professionale è un’abilità che riesce a poche (16%). Solo il 19% auspica una riduzione del carico in ambulatorio. E per il 52% delle rispondenti il tempo da dedicare all’aggiornamento professionale è “insufficiente”.

Quando c’è discriminazione (23% sì, 22% a volte) verso la veterinaria donna, essa proviene soprattutto dai clienti (33%). In generale, la discriminazione è dovuta principalmente a pregiudizi sulle capacità professionali (66%) e alla resistenza culturale a guardare alla donna come al “dottore” e non a una figura ausiliaria. Raggiunge la significativa percentuale del 45% la quota di intervistate che intravvede un’esposizione al rischio di discriminazione e di violenza di genere. Nei rapporti con i più stretti Colleghi di lavoro, le veterinarie si confermano ben poco influenzate dal genere. Nei commenti liberi, le partecipanti sottolineano come la maternità, in atto o potenziale, sia un fattore sfavorevole nei colloqui di lavoro o per il mantenimento dei rapporti di lavoro. Ma il gender gap, per il 63%, è un problema culturale generale universale che va oltre lo specifico della veterinaria (solo il 15% pensa che la mancanza di pari opportunità per le donne veterinarie dipenda da fattori endogeni della Categoria). Un 10% attribuisce delle responsabilità alle stesse donne.

* “Essere Veterinarie, essere Donne Consultazione sulla dimensione professionale femminile”-  Questionario e commenti liberi somministrato nel periodo settembre- novembre 2020. Rispondenti 2.246 Veterinarie  – ©ANMVI 2020

© Riproduzione riservata. Foto: Stock.adobe.com

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

api ape fiore miele insetti

Cosa fare per proteggere le api e gli impollinatori dagli insetticidi

Se davvero si vogliono proteggere le api e gli altri impollinatori dalla catastrofica situazione in …