Home / Sicurezza Alimentare / Il sucralosio potrebbe essere pericoloso per la salute. Se riscaldato dà origine a diossine e furani, secondo il Bfr tedesco

Il sucralosio potrebbe essere pericoloso per la salute. Se riscaldato dà origine a diossine e furani, secondo il Bfr tedesco

Sugar-replacing tablets spoon on orange and red backgroundIl sucralosio, dolcificante artificiale 600 volte più dolce dello zucchero (saccarosio), due volte più della saccarina e quattro volte più dell’aspartame, potrebbe essere pericoloso per la salute, se scaldato. Lo afferma l’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio (Bfr) in un comunicato dove spiega che, in seguito a un riscaldamento pari a  120°C, il composto inizia a liberare gli atomi di cloro che contiene. Il sucralosio si ottiene infatti per aggiunte successive (in sostituzione di gruppi OH)  di tre atomi di cloro all molecola del saccarosio, ma il legame, pur essendo stabile, è sensibile al calore e si scinde. Il rilascio dà origine e diossine e furani e, in particolare, a policloro-dibenzo-diossine o PCDD, dibenzofurani e cloropropanoli: composti ritenuti non sicuri. 

Il raggiungimento dei 120°C è molto comune non solo nei forni industriali, ma anche nelle cucine domestiche, e non a caso i prodotti più a rischio sono proprio quelli da forno, insieme ad alcune verdure cotte in scatola. Non ci sono ancora dati certi sugli effetti di tutti i composti che si formano dal riscaldamento, sulle quantità pericolose e sulle condizioni di cottura, ma nel frattempo l’agenzia consiglia a tutti, privati e aziende, di non cuocere mai il sucralosio, né in forno né in padella e, se proprio lo si vuole usare, di aggiungerlo solo dopo la cottura, a freddo. 

In attesa di indicazioni più specifiche si attende anche la revisione dell’Efsa, che nel 2017 aveva definito il prodotto sicuro rispetto all’effetto cancerogeno, in seguito a studi sui topi effettuati all’Istituto Ramazzini di Bologna, messi poi in discussione a causa di gravi lacune e che ora sta procedendo a una riconsiderazione dei dati. Le conclusioni sono attese per il 2020. Il sucralosio in Europa è indicato con la sigla E 955.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

latte in polvere

Latte in polvere, dopo l’epidemia di Salmonella arrivano le raccomandazioni dell’Anses. Consigli anche per i genitori

Nel 2017 in Francia, tra agosto e dicembre, 38 neonati di pochi mesi sono stati …