Home / Pianeta / Nove miliardi nel 2050: sfamare tutti evitando la deforestazione, è possibile? Valutati 500 scenari alimentari

Nove miliardi nel 2050: sfamare tutti evitando la deforestazione, è possibile? Valutati 500 scenari alimentari

Vegetarian dinner
La dieta vegetariana è quella che renderebbe possibili 450 scenari su 500 analizzati per “salvare” le foreste

Nel 2050, quando saremo nove miliardi di persone, sarà possibile un mondo in cui ci si alimenta a “deforestazione zero”? Alcuni ricercatori del Global Institute of Social Ecology di Vienna hanno condotto uno studio, pubblicato da Nature Communications, in cui hanno valutato 500 differenti scenari alimentari, considerando anche i progressi tecnologici, le modifiche ai sistemi agricoli e i cambiamenti dei modelli di consumo. Il 60% degli scenari, che si basano su strategie differenti, si è rivelato compatibile. Il cambiamento più influente risulta essere quello delle diete, prima ancora della rendita delle coltivazioni e dell’espansione dei terreni coltivabili.

Come riferisce Food Navigator, una dieta senza carne renderebbe praticabili 450 dei 500 scenari considerati. Un forte consumo di carne, invece, riduce a 75 gli scenari in grado di sfamare tutti senza ulteriore deforestazione, pagando però altri prezzi ambientali. Infatti, se le diete attualmente prevalenti nel mondo occidentale fossero adottate globalmente, questo richiederebbe un massiccio aumento del rendimento delle terre coltivate e una forte espansione dell’agricoltura su terreni attualmente adibiti a pascolo. Lo scenario mediano, cioè quello che considera il mantenimento della situazione alimentare attuale, renderebbe compatibili con l’obiettivo della “deforestazione zero” i due terzi delle opzioni considerate.

461951419
Se nel 2050 l’intera la popolazione mondiale diventasse vegana, tutti i 500 scenari sarebbero fattibili

In sintesi, se nel 2050 l’intera la popolazione mondiale diventasse vegana, tutti i 500 scenari sarebbero fattibili, per di più riducendo l’attuale rendimento ed espansione dei terreni coltivati, rispetto al 2000. In una prospettiva di dieta vegetariana, risulterebbe fattibile il 94% degli scenari. Se venissero mantenute le diete attuali o tutti adottassero una dieta occidentale, nel 2050 sarà necessario il 52% in più di terreni agricoli.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

pesticidi erbicidi campi agricoltura riso

La Francia ritira 36 prodotti contenenti glifosato e due insetticidi potenzialmente dannosi per le api. La decisione dell’Anses

La Francia continua la sua lotta solitaria contro il glifosato, ma anche contro gli insetticidi …

7 Commenti

  1. Avatar

    Controllo delle nascite no eh?

    • Avatar
      fabrizio quaranta

      Carmelo, Grandissimo ma ormai solo, anzi siamo in 2, vah!

    • Avatar

      Tre , con me . Ma non siamo soli : c’e’ da anni chi si batte contro la censura dell’ argomento ( soprattutto i Radicali , recente la loro campagna ‘rientro dolce’ ) . Purtroppo in Italia NON se ne puo’ parlare pubblicamente , punto . E fuori Italia ? Pensate che nell’ Islam e’ peccato anche solo pensare alla programmazione della famiglia !

    • Avatar
      Sonia Magagnotto

      quattro. Mi solleva non essere sola con queste idee

  2. Avatar

    Ogni luogo ha la sua cultura gastronomica frutto di millenni di adattamento, la quale è già stata rovinata dal mondialismo e dall’americanismo, ci manca solo la gastronomia unica.

    • Avatar

      Ci sono loghi dove la ‘cultura gastronomica’ e’ : morire di fame. Bisognera’ pur fare qualcosa …

  3. Avatar

    Il contenimento della popolazione vale solo per gli animali non umani che vengono uccisi legalmente perchè nel loro caso, la sovrapopolazione distrugge l’habitat e l’equilibrio tra le altre speci.
    La sovrapopolazione dell’animale umano, in quanto padrone del mondo, non provoca nessuna distruzione irreversibile dell’habitat e quindi non deve assolutamente essere regolata anche a costo di arrivare alla sua estinzione per mancanza di risorse della natura dovuta alla distruzione da lui messa in atto.
    Naturalmente l’animale umano è homo sapiens!