;
Home / Nutrizione / Il decalogo per consumare più frutta e verdura. Tutti i consigli del ministero della Salute

Il decalogo per consumare più frutta e verdura. Tutti i consigli del ministero della Salute

fruttaIl ministero della Salute ha pubblicato un decalogo con i consigli per incentivare il consumo di cinque porzioni di frutta o verdura al giorno, come indicato dalle linee guida per una sana e corretta alimentazione. Se alcuni suggerimenti possono sembrare banali, altri offrono uno spunto per correggere alcune abitudini alimentari sbagliate.

1) Ogni giorno mangia almeno cinque porzioni di frutta e verdura (va bene anche quella già pronta per il consumo) senza sale e/o zucchero aggiunti, possibilmente  di stagione.

2) Tieni sempre a portata di mano frutta e verdura in frigorifero in modo da averne sempre una buona scorta.

3) Le verdure non sono solo “contorni”. Provare a mangiare finocchi, carote, sedano, pomodorini e tanti altri ortaggi come snack è un’ottima idea per placare la fame.

mensa scolastica bambina studente mela frutta Depositphotos_207648764_l-20154) Chi studia o lavora deve sapere che l’energia della frutta fresca è un ottimo modo per ripartire con la giusta carica.

5) Mangiare un primo piatto di riso o pasta condito con una razione abbondante di  verdure  è un buon modo per riuscire a consumare una delle due-tre porzioni che conviene assumere nella giornata.

6) In un’alimentazione corretta c’è posto anche per i peccati di gola, anche se è meglio preferire dolci e altre leccornie fatte in casa preparate con l’aggiunta di frutta.

7) È importante abituarsi ad usare anche le parti meno nobili dei prodotti vegetali. Con i gambi della verdura si può fare il brodo o la zuppa. Dal frullatore/estrattore si può recuperare il “residuo” della polpa dei frutti e aggiungerlo alla bevanda che si sta preparato ottenendo così un mix di vitamine e fibra prezioso.

8) Due-tre volte alla settimanali si può consumare una buona zuppa a base di cereali (ad es.: pasta, riso, farro…) e legumi, assicurando così un ottimo pasto equilibrato.

9) La verdura dà il meglio di sé “croccante”, per cui è meglio non farla cuocere troppo, in questo modo si mantengono meglio i nutrienti e aumenta il senso0 di sazietà.

10) In famiglia bisogna dare il buon esempio, per questo i genitori devono essere i primi a consumare frutta e verdura risultando così convincenti verso i bambini.

© Riproduzione riservata Foto: stock.adobe.com, depositphotos.com

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

La verità sugli spinaci: non sono una miniera di ferro, lo dice Ballarini sull’Accademia dei Georgofili

La leggenda che vede gli spinaci come una fonte di grandissime quantità di ferro è …

6 Commenti

  1. Avatar

    come si misura UNA PORZIONE? grazie

  2. Avatar

    Proprio ieri ho pranzato con riso integrale di Alce Nero condito con leggero soffritto di verdure varie e miste … E il mio modo di mangiarle cotte in inverno..

  3. Avatar

    La maggior parte delle fonti sono concordi nell’indicare, relativamente al termine “porzione”, un quantitativo di 80 grammi per le verdure crude a foglia, 200 grammi per le altre verdure ( tipo sedano carote finocchi e similari peso crudo ) , 150 grammi circa per la frutta fresca e 30 grammi per la frutta secca ……più o meno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *