;
Home / Pianeta / I 15 consigli contro lo spreco alimentare della Fao: cambiare le abitudini per salvare il cibo e il pianeta

I 15 consigli contro lo spreco alimentare della Fao: cambiare le abitudini per salvare il cibo e il pianeta

spreco alimentare spazzatura ceciSecondo un recente rapporto delle Nazioni Unite, ogni anno vengono sprecate 931 milioni di tonnellate di cibo, il 17% del totale. Una parte dello spreco alimentare è direttamente collegato alle abitudini dei consumatori: si compra più cibo del necessario, e una parte finisce per ammuffire, nel caso di frutta e verdura, o scadere, se parliamo di prodotti confezionati. In questo caso si tratta di cattive abitudini su cui è possibile intervenire.

A questo proposito ci viene in aiuto la Fao (l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura), che in occasione della prima Giornata internazionale di consapevolezza sulla perdita e lo spreco alimentare, celebrata nel settembre del 2020, ha pubblicato una guida con 15 consigli per i consumatori.

1. Adotta una dieta più sana e sostenibile. La vita di molte persone è frenetica e preparare pasti nutrienti può essere una sfida; ma i piatti sani non devono essere per forza elaborati. Internet è pieno di ricette salutari e veloci che puoi condividere con la tua famiglia e gli amici.

2. Compra solo quello che ti serve. Pianifica i tuoi pasti. Fai una lista della spesa e seguila evitando gli acquisti impulsivi. Non solo sprecherai meno cibo, ma risparmierai anche denaro!

Per ridurre lo spreco alimentare è importante comprare solo il cibo che serve, aiutandosi con una lista della spesa

3. Scegli frutta e verdura “brutta”. Non giudicare il cibo dalle sue apparenze! Frutta e verdura con forme strane o ammaccate sono spesso gettate via perché non rispettano standard cosmetici arbitrari. Non preoccuparti, hanno lo stesso sapore! Usa la frutta matura per frullati, succhi e dolci.

4. Conserva il cibo con attenzione. Sposta i prodotti più vecchi nella parte frontale della dispensa o del frigo e sistema quelli nuovi nella parte posteriore. Usa contenitori ermetici per conservare  i cibi.

5. Comprendi l’etichetta del cibo. C’è una grande differenza tra  la dicitura “da consumare preferibilmente entro…” e “da consumare entro…” Certe volte il cibo è ancora sicuro dopo il termine minimo di conservazione, mentre è la data di scadenza che dice quando non è più sicuro da mangiare. Controlla le etichette evidenziando gli ingredienti poco salutari come i grassi trans (poco diffusi nei prodotti venduti in Italia)  e i conservanti ed evita cibi con troppi zuccheri e sale.

6. Compra porzioni più piccole per evitare di avanzare cibo e se al ristorante i piatti sono troppo abbondanti, condividili con altri commensali.

7. Conserva i tuoi avanzi. Se non mangi tutto quello che hai cucinato, congelalo o usa gli avanzi come ingredienti per un altro piatto.

8. Fai buon uso dei rifiuti alimentari. Invece di buttare via i tuoi scarti alimentari, cerca di fare un compost. In questo modo restituisci i nutrienti al suolo e riduci la tua impronta di carbonio.

Compostare gli scarti alimentari contribuisce a restituire al suolo nutrienti utili a produrre altro cibo

9. Rispetta il cibo. Entra in sintonia coni cibo imparando a conoscere il processo produttivo necessario per realizzarlo. Informati sulla produzione alimentare.

10. Supporta i produttori di cibo locali. Comprando frutta e verdura locale, supporti aziende agricole famigliari e piccoli produttori presenti nella tua comunità.  In questo modo contribuisci a contrastare l’inquinamento, riducendo le distanze di consegna per camion e altri veicoli.

11. Rispetta la pesca. Mangia specie di pesci che sono più abbondanti, come sgombri e aringhe, piuttosto che quelle a maggior rischio di pesca eccessiva, come merluzzo e tonno. Compra pesce che è stato catturato o allevato in maniera sostenibile, e  quelli con eco-label o con altri certificati.

12. Usa meno acqua. Non possiamo produrre cibo senza acqua! Ma è importante che gli agricoltori usino meno acqua per produrre cibo. Riducendo lo spreco alimentare indirettamente si riduce l’uso di risorse idriche che sono state usate per produrre cibo. Ci sono anche altri modi per diminuire il consumo di acqua: riparando le perdite o chiudendo il rubinetto quando si lavano i denti!

13. Mantieni puliti il suolo e l’acqua. Alcuni rifiuti domestici sono potenzialmente pericolosi e non dovrebbero essere gettati nel normale bidone della spazzatura. Oggetti come batterie, vernici, telefoni cellulari, medicine, sostanze chimiche, fertilizzanti, pneumatici, cartucce per stampante e così via possono penetrare nei terreni e nelle acque, danneggiando le risorse naturali che producono il cibo.

14. Mangia più legumi e verdure. Una volta alla settimana, cerca di mangiare un pasto a base di legumi o cereali “antichi” come la quinoa.

15. Condividere è prendersi cura. Dona il cibo che altrimenti sarebbe sprecato. Per esempio, ci sono app che possono connettere i vicini tra loro e con esercizi commerciali locali per condividere il cibo in eccesso, invece di gettarlo via.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

tazza di tè

Tè: in Kenia la crisi climatica mette in pericolo le coltivazioni delle preziose foglie

La tazza di tè mattutina potrebbe non avere più lo stesso sapore se il riscaldamento …