Home / Nutrizione / Combattere il caldo a tavola. Le raccomandazioni dell?Agenzia francese per la sicurezza alimentare

Combattere il caldo a tavola. Le raccomandazioni dell?Agenzia francese per la sicurezza alimentare

L’Agenzia francese per la sicurezza alimentare Affsa ha messo a punto una serie di raccomandazioni per evitare il rischio di disidratazione, evento che si manifesta con i disturbi tipici del grande caldo: ipotensione, stanchezza, mal di testa, astenia, crampi. Alcuni consigli valgono sempre, ma in particolare in questo periodo dell’anno.

1)    Bere spesso, senza aspettare di avere sete: l’ideale è un litro e mezzo d’acqua al giorno.

2)    Non bere alcolici, perché favoriscono la disidratazione

3)    Limitare il consumo di bevande ricche di caffeina (caffè, thé, cola) o molto zuccherate (bibite) perché favoriscono la perdita di liquidi.

4)     Aumentare il consumo di alimenti ricchi d’acqua: frutta (melone, anguria, fragole, pesche, agrumi…) e verdura cruda (cetrioli, pomodori, zucchine, carote…). Il consiglio non va seguito in caso di diarrea. 

5)    Fare piccoli spuntini tra un pasto e l’altro per ricaricare l’organismo di sali minerali (pane integrale, un pezzetto di formaggio, una fetta di prosciutto, una piccola zuppa di legumi…).

Tra le persone più a rischio per colpa del caldo ci sono gli anziani. Ecco le raccomandazioni specifiche:

1)    Non aspettare di avere sete e bere almeno 8 bicchieri d’acqua al giorno (l’ideale sarebbero 13-14): se l’acqua naturale non piace, si può diluire quella gasata con acqua del rubinetto.

2)    L’acqua può essere alternata a tè o caffè freddi, sciroppi diluiti in acqua o trasformati in ghiaccioli, zuppe fredde molto liquide come il gazpacho, composte di frutta, sorbetti, succhi di frutta.

3)    Ottimi alimenti “idratanti” sono anche la frutta e gli ortaggi ricchi d’acqua come melone, anguria, fragole, pesche, agrumi, pomodori, zucchine e cetrioli; oltre allo yogurt (ha lo stesso potere di un bicchiere d’acqua) e formaggi freschi.

4)    Evitare bevande e cibi gelati: la sensazione di sete passa più velocemente, ma così si assumono meno liquidi di quelli necessari.

I consigli per genitori relativi ai bambini, anche loro particolarmente vulnerabili:

1) Proporre ai bambini di bere almeno ogni ora, dando loro acqua fresca nel biberon o nel bicchiere a seconda dell’età, senza aspettare che siano loro a chiedere.

2) Se si sveglia di notte, proporre al bambino un bicchiere d’acqua.

3) A tavola, privilegiare la frutta fresca o in macedonia e gli ortaggi verdi (zucchine e cetrioli), oltre a yogurt e formaggi freschi (salvo in caso di intolleranza).

 

Mariateresa Truncellito

Foto: photos.com

 © Il Fatto Alimentare 2010 – Riproduzione riservata

 

Guarda qui

Ragazza mangia piatto di pollo fritto

La maggior parte degli americani crede di avere una dieta più sana di quanto sia in realtà

Quanto sanno le persone (e, nello specifico, gli americani) della qualità della loro dieta? E …