Home / Sicurezza Alimentare / Coloranti artificiali addio: anche Mars, dopo Nestlé, li eliminerà dai prodotti. Anche se non esistono rischi conosciuti per la salute umana

Coloranti artificiali addio: anche Mars, dopo Nestlé, li eliminerà dai prodotti. Anche se non esistono rischi conosciuti per la salute umana

     Anche Mars ha deciso di eliminare i coloranti dai suoi prodotti

Anche Mars ha deciso di eliminare i coloranti dai suoi prodotti

Dopo Nestlé, che lo ha annunciato per il solo mercato statunitense, anche Mars ha deciso di eliminare dai prodotti  i coloranti artificiali. La sostituzione avverrà entro cinque anni, riguarderà tutti i mercati e oltre 50 brand di prodotti: cioccolato, gomme da masticare, caramelle, alimenti e bevande.  Secondo Mars  i coloranti artificiali attualmente utilizzati per i prodotti alimentari sono privi di rischi conosciuti per la salute. Ciò nonostante la scelta è stata fatta per venire incontro ai desideri dei consumatori, che chiedono sempre più ingredienti naturali.

Mars afferma che questa sostituzione richiederà un duro lavoro e del tempo, e che la compagnia lavorerà con i propri fornitori per “trovare alternative che non solo mantengano i suoi elevati standard di qualità e sicurezza, ma anche i colori vibranti e divertenti”, come quelli dei confetti al cioccolato M&M’S. “I nostri consumatori sono i capi e noi li ascoltiamo. Se è la cosa giusta da fare per loro, è la cosa giusta da fare per Mars”, ha dichiarato il presidente e amministratore delegato, Grant F. Reid. Nel 2013, una mamma di un bambino che a nove anni aveva avuto problemi di iperattività ha lanciato una petizione online, che chiedeva all’azienda di eliminare dagli M&M’s anche negli Usa, come già avvenuto in Europa, i coloranti artificiali collegati a questo probema. La petizione, sostenuta dal Center fior Science in the Public Interest (CISPI), ha raggiunto 217.000 firme.

 

 

 

 

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Simple white cake with glaze on a gray background.

Biossido di titanio, uno studio mette in dubbio le ragioni del divieto francese. Ma spuntano finanziamenti dell’industria…

La decisione del governo francese di vietare il biossido di titanio (noto anche come E171) da …