Home / Pianeta / Extravergine Bertolli e Carapelli, Deoleo patteggia il pagamento di 7 milioni di dollari per class action su origine e qualità

Extravergine Bertolli e Carapelli, Deoleo patteggia il pagamento di 7 milioni di dollari per class action su origine e qualità

carapelli bertolli olio extravergine di olivaLa filiale statunitense della spagnola Deoleo, proprietaria dei marchi Bertolli e Carapelli, ha accettato di pagare sette milioni di dollari per chiudere una class action intentata in California, che accusava l’azienda di aver travisato l’origine e la qualità dell’olio extravergine di oliva. Per quanto riguarda l’origine, i querelanti contestavano che sulle bottiglie ci fosse la scritta “Imported from Italy”, mentre le olive provenivano, oltre che dall’Italia, da Grecia, Tunisia e Australia. In merito alla qualità, la contestazione era che l’extravergine fosse mischiato con olio raffinato e contenuto in bottiglie chiare, non adatte per prevenire la degradazione causata dalla luce e dal calore.

Deoleo aveva già accettato di rimuovere dalle proprie etichette la frase contestata, “Importato dall’Italia”, impegnandosi a non utilizzarne di analoghe, come “Made in Italy”, a meno che l’olio sia fatto interamente con olive raccolte e spremute in Italia. Ora, per chiudere la vicenda giudiziaria, ha patteggiato il pagamento di sette milioni ai querelanti, impegnandosi a imbottigliare il suo olio extravergine di oliva in bottiglie verde scuro per prevenire la degradazione causata dalla luce, accorciando il periodo entro il quale è consigliato consumare l’olio e indicando la data del raccolto.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Termopolio-Regio-V pompei nereide cavalli marini

Il fast food al tempo dei romani: ritrovati a Pompei oltre 80 termopoli, i locali preferiti dell’Antica Roma per un pasto al volo

Si chiamavano thermopolia, ed erano gli equivalenti pompeiani dei moderni fast food, perché lì si …

4 Commenti

  1. Da noi si scherza e si tergiversa con la nascondenza, ma altrove chi inganna viene giustamente punito.
    Un ottimo avviso per chi esporta con l’inganno, falso made in Italy.

  2. Massimiliano Saini

    Non solo mi piacerebbe sapere chi ha intentato l’azione legale, ma vorrei che i produttori italiani onesti finanziassero un osservatorio permanente per scoprire falsi e frodi (anche di italiani) e per reagire legalmente come in questo caso.

  3. domenico riccio

    sembra che Carapelli e i successivi proprietari siano incappati varie volta in irregolarità (per non dire altro). Il fatto è che i loro prodotti sono molto reclamizzati e sopratutto venduti nella grande distribuzione. La domanda è: quanto c’è da fidarsi dei controlli della grande distribuzione circa la salubrità di questi prodotti da loro venduti????

  4. marco balestri

    ecco perchè alcune grandi multinazionali vengono a fare “la spesa” qui in italia
    possono utilizzare un nome reale e non uno di quelli ..all’italian sounding …