Home / Sicurezza Alimentare / Cile, il tribunale di Santiago ordina di pubblicare i dati sugli antibiotici usati da ogni produttore di salmoni

Cile, il tribunale di Santiago ordina di pubblicare i dati sugli antibiotici usati da ogni produttore di salmoni

Cile antibiotici salmone
In Cile i salmoni sono trattati con antibiotici in modo massiccio

In Cile, la Corte d’appello di Santiago ha ordinato al Dipartimento del governo per la pesca e l’acquacoltura (Sernapesca) di rendere pubblici i dati, disaggregati per singole compagnie produttrici, sulle quantità di antibiotici utilizzati nel 2014 negli allevamenti di salmone. Secondo i dati ufficiali, nel 2014 l’uso di questi farmaci è aumentato del 25% rispetto all’anno precedente, raggiungendo i 563.000 chili di antibiotici a fronte di 895.000 tonnellate di pesce. La decisione del tribunale di Santiago del Cile è arrivata in seguito a un’istanza presentata dall’organizzazione per la protezione marina Oceana, dopo che 37 compagnie, Sernapesca e il Consiglio per la Trasparenza, si erano rifiutati di fornire i dati, sostenendo che avrebbero messo a rischio la competitività e le attività dei produttori.

salmone biologico
I produttori cileni non puntano alla ricerca di un vaccino

Secondo la Corte d’appello di Santiago, il rifiuto è illegale, perché sulle aziende che producono pesce per il consumo umano è richiesto non solo un controllo ufficiale, ma anche sociale, affinché i cittadini siano in grado di sapere come sono stati allevati li pesci. Quindi, afferma la Corte,  la diffusione delle informazioni richieste da Oceana coinvolge un interesse pubblico, che prevale su qualsiasi altro motivo aziendale.

Come detto in un precedente articolo del Fatto Alimentare, le acque del Cile sono infestate da Piscirickettsiosi, un batterio che provoca lesioni ed emorragie nei pesci, rigonfiamento di reni e milza, e infine la morte. Anziché puntare sulla ricerca di un vaccino, come fatto per casi simili in Norvegia, i produttori cileni di salmone hanno aumentato massicciamente l’utilizzo di antibiotici, cosa che ha provocato una forte diminuzione delle vendite negli Stati Uniti, compensate con l’aumento delle espotazioni  in altri paesi, come il Brasile, dove l’attenzione è minore e la concorrenza del salmone norvegese inferiore.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

uovo centenario piatto erbette

Uova dei cento anni: adesso si possono importare dalla Cina. Lo autorizza il ministero della Salute

Quanti modi conoscete per utilizzare le uova in cucina? Dai grandi classici come l’uovo alla …

3 Commenti

  1. ALESSANDRO DE VINCENZI

    Interessante, sarebbe utile sapere quale è la situazione del salmone che mangiamo in Italia. Grazie

  2. Estendo la richiesta di analisi e controllo, oltre che al salmone in vendita in Europa e Italia, a tutti gli altri pesci allevati, soprattutto i crostacei, come mi risulta in particolare per l’allevamento dei gamberetti importati, dove l’uso massiccio di antibiotici sia la norma.