Home / Sicurezza Alimentare / Usa, anche Subway punta alla carne senza antibiotici per la crescita. Appello di medici perché anche gli ospedali si convertano

Usa, anche Subway punta alla carne senza antibiotici per la crescita. Appello di medici perché anche gli ospedali si convertano

Subway Eat Fresh
Anche Subway punta alla carne senza antibiotici

Dopo McDonald’s e Chipotle Mexican Grill, anche la catena di fast food Subway ha annunciato il suo piano per l’eliminazione degli antibiotici dalla carne negli Stati Uniti. Entro la fine del 2016 sarà venduta solo carne di polli allevati senza l’utilizzo di antibiotici per favorirne la crescita. Per la carne di tacchino, Subway inizierà la sostituzione il prossimo anno e conta di completarla entro due-tre anni. Più lunghi i tempi per la carne di manzo e di maiale, per cui il termine è fissato al 2025.

 carne senza antibiotici
La resistenza agli antibiotici aumenta

Un appello a combattere l’abuso di antibiotici nell’allevamento di animali viene anche da alcuni medici dell’University of California San Francisco, che in un articolo pubblicato dall’American Journal of Public Health chiedono agli ospedali di non servire più carne di animali trattati con antibiotici perché questo è diventato un dovere etico, di fronte al diffondersi della resistenza di molti batteri agli antibiotici utilizzati sugli uomini. La richiesta viene fatta pur sapendo che approvvigionarsi in grande quantità di carne di animali non trattati con antibiotici è più difficile e comporta una maggior spesa.

Secondo le stime dell’Infectious Diseases Society of America, la resistenza agli antibiotici sta costando al settore sanitario statunitense tra 21 e 34 miliardi di dollari l’anno.

© Riproduzione riservata

sostieniProva2Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Allergy food

Allergie alimentari, attenzione ai test senza validità scientifica venduti online e nelle farmacie. Per la diagnosi meglio affidarsi all’allergologo

Le allergie alimentari sono un problema diffuso e spesso di non facile individuazione, a meno …

Un commento

  1. e sarebbe pure ora che enti pubblici prendano posizione su questi temi! (ma per quanto concerne gli ormoni -in USA- ????….)