Home / Pianeta / Brasile, un giudice sospende le autorizzazioni all’utilizzo del glifosato in attesa di una nuova valutazione sulla sua sicurezza

Brasile, un giudice sospende le autorizzazioni all’utilizzo del glifosato in attesa di una nuova valutazione sulla sua sicurezza

soia ogmIn Brasile, un giudice ha disposto la sospensione dell’utilizzo dell’erbicida glifosato, stabilendo che non potranno essere registrati nuovi prodotti contenenti questa sostanza e che le autorizzazioni esistenti dovranno essere sospese entro 30 giorni. Il divieto, che riguarda anche l’insetticida abamectin e il fungicida thiram, resterà in vigore sino a che l’Agenzia brasiliana di vigilanza sanitaria (Anvisa) non avrà completato il riesame sulla sicurezza dei tre prodotti, iniziata nel 2008 e la cui conclusione è prevista entro la fine dell’anno.

La sentenza è destinata ad avere un forte impatto sull’agricoltura brasiliana, che è uno dei maggiori produttori mondiali di soia e di altri cereali geneticamente modificati proprio per essere resistenti al glifosato. Come riferisce l’agenzia Reuters, per la settimana prossima è prevista una pioggia di ricorsi contro il provvedimento del giudice di Brasilia, sia da parte delle aziende agrochimiche, sia da parte del governo e della stessa Anvisa.

In Brasile quasi tutti i coltivatori di soia praticano la piantagione diretta, cioè senza aratura, una tecnica sviluppata per ridurre l’erosione del terreno e mantenere l’umidità della terra. Per questo il ministro dell’Agricoltura brasiliano, Blairo Maggi ha sottolineato che “l’intero sistema della piantagione diretta si basa sul glifosato e sospenderlo rappresenterebbe un enorme passo indietro per l’ambiente”. Oltre che ministro dell’Agricoltura, Blairo Maggi è proprietario del gruppo Amaggi ed è il più grande produttore mondiale di soia.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

water bottle with the text life without plastic

Acqua minerale: 10 cose da fare per dire stop alle bottiglie di plastica. Siamo i più grandi bevitori al mondo con 224 litri e 145 euro a famiglia

L’Europarlamento ha approvato in via definitiva la direttiva che vieta dal 2021 alcuni articoli in …

3 Commenti

  1. Non era la Comunità Europea a seguire il principio di precauzione, più come ispirazione teorica che nella pratica esecutiva?
    Ora sembra che il Brasile lo faccia anche nella pratica e non solo in teoria e che lo imponga un ministro che è anche il maggior produttore mondiale di soia, è un vero esempio da seguire anche per noi europei, che ci vantiamo per l’avanzato controllo e gestione della sicurezza alimentare.

    • No, leggi bene: il ministro ha contestato la sentenza.

    • Hai ragione è una sentenza di un giudice che ne blocca l’utilizzo, ma l’agenzia di vigilanza sanitaria brasiliana Anvisa sta’ applicando il principio di precauzione meglio di noi europei.
      “In Brasile, un giudice ha disposto la sospensione dell’utilizzo dell’erbicida glifosato, stabilendo che non potranno essere registrati nuovi prodotti contenenti questa sostanza e che le autorizzazioni esistenti dovranno essere sospese entro 30 giorni. Il divieto, che riguarda anche l’insetticida abamectin e il fungicida thiram, resterà in vigore sino a che l’Agenzia brasiliana di vigilanza sanitaria (Anvisa) non avrà completato il riesame sulla sicurezza dei tre prodotti, iniziata nel 2008 e la cui conclusione è prevista entro la fine dell’anno.”