Home / Pianeta / Brasile, un tribunale annulla la sospensione delle autorizzazioni all’utilizzo del glifosato

Brasile, un tribunale annulla la sospensione delle autorizzazioni all’utilizzo del glifosato

glifosatoUn tribunale brasiliano ha annullato la decisione con cui a inizio agosto un giudice di Brasilia aveva disposto la sospensione dell’utilizzo dell’erbicida glifosato, stabilendo anche che non avrebbero potuto essere registrati nuovi prodotti contenenti questa sostanza e che le autorizzazioni esistenti avrebbero dovuto essere sospese entro 30 giorni. Il divieto, che riguardava anche l’insetticida abamectin e il fungicida thiram, avrebbe dovuto restare in vigore sino a che l’Agenzia brasiliana di vigilanza sanitaria (Anvisa) non avesse completato il riesame sulla sicurezza dei tre prodotti, iniziata nel 2008 e la cui conclusione è prevista entro la fine dell’anno.

Nell’accogliere i ricorsi contro la decisione del giudice di primo grado, il tribunale federale regionale di Brasilia ha fatto propria l’argomentazione del governo, secondo cui il divieto all’utilizzo del glifosato e degli altri due prodotti avrebbe potuto danneggiare l’economia del Paese. Come riferisce l’agenzia Reuters, secondo il tribunale “nulla giustifica la sospensione e la rimozione improvvisa delle registrazioni di prodotti contenenti glifosato, abamectin e thiram come ingredienti attivi, senza un’analisi dei gravi impatti sull’economia del Paese e sulla popolazione in generale”.

Una settimana prima della sentenza del tribunale, il ministro dell’Agricoltura brasiliano, Blairo Maggi, che è anche proprietario del gruppo Amaggi ed è il più grande produttore mondiale di soia, aveva dichiarato che se fosse stato mantenuto il divieto di utilizzare il glifosato sarebbero andati perduti i raccolti di mais e soia, non essendoci un prodotto sostitutivo da utilizzare nella fase di semina, che inizia in questo periodo.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

incendio foresta

Incendi in Amazzonia: le grosse responsabilità dell’industria alimentare. L’inchiesta di Valori

Gli incendi in Amazzonia e, più in generale in Sud America, sono stati al centro …

3 Commenti

  1. Avatar

    Pesanti ragioni economiche vs. ragioni di sicurezza e prevenzione sanitaria, due problemi sociali di difficile soluzione, non solo in Brasile ma in tutto il mondo a partire dalla Cina, ma anche negli USA, in India ed anche da noi nel nostro piccolo l’agricoltura padana, ma anche le acciaierie ILVA & C.
    Quadrature di cerchi difficili da far quadrare senza una radicale e progressiva rivoluzione culturale, colturale ed industriale ad impatto fortemente ridotto.

  2. Avatar

    poveri brasiliani…

  3. Avatar

    ma possibile che continuiamo a farci del male? chi se ne importa di tutto quel mais e soia, peraltro coltivati prevalentemente x diventare mangimi animali (ma non erano erbivori?)…e chi mangerà poi tutta quella carne, che in effetti poi andrà in gran parte sprecata?