Home / Etichette & Prodotti / Carrefour propone 4 burger biologici per vegetariani e vegani in versione gastronomica. Il prezzo è buono ma le porzioni ridotte

Carrefour propone 4 burger biologici per vegetariani e vegani in versione gastronomica. Il prezzo è buono ma le porzioni ridotte

carrefour-bio-logoSugli scaffali di Carrefour sono apparsi alcuni elementi del tutto nuovi che hanno in etichetta il marchio del supermercato. La linea Biologica ha infatti aggiunto numerosi piatti pronti di gastronomia collocati nel banco frigorifero e quindi freschi che si aggiungono a prodotti declinati per le diverse occasioni: latte, bevande vegetali a base di soia, o avena o riso, fette biscottate, pasta…

 

La nuova proposta di piatti pronti di gastronomia comprende quattro tipi di burger, il tofu e il seitan. Tutti sono composti da ingredienti 100% vegetali  provenienti da agricoltura biologica.

 

burger carrefour bioQuesta linea si fregia di essere anche interessante sul versante del prezzo tanto che nel sito si parla di “certificate anche nel prezzo e nel gusto!”. Il costo riportato sul cartellino (non in promozione) indica che una porzione costa 1,53 euro. Stiamo parlando però di una quantità piuttosto risicata, inferiore ai 100 grammi. Se ci si accontenta di una sola porzione come pietanza, la spesa non è elevata. Nel caso del prodotto a base di miglio e soia, come si vede in tabella, l’apporto proteico non è paragonabile a quello della carne di manzo magra che ne contiene 19 grammi, mentre il burger biologico di Carrefour ne ha solo 7.

 

È evidente che questi prodotti si rivolgono ai consumatori salutisti, attenti all’origine degli ingredienti, che oltre a scegliere biologico sono orientativamente vegetariani. Nel caso specifico siamo di fronte ad una pietanza adatta anche ad una dieta vegana.

 

Valeria Torazza

tabella burger bio Carrefour

 

Carrefour Bio Burger di Miglio e Soia

 

100g

Per 1 burger (95g)

% GDA

Valore energetico

186 kcal- 772kJ

176 kcal- 734 kJ

8,8

Grassi

g

11,1

10,5

15,0

di cui saturi

g

1,5

1,4

7,0

Carboidrati

g

11,9

11,3

4,2

di cui zuccheri

g

1,3

1,2

1,3

Proteine

g

7,3

6,9

13,8

Fibre alimentari

g

4,4

4,2

16,8

Sodio

g

0,455

0,432

18,0

% GDA: assunzioni di riferimento di un adulto medio (2000 kcal)

 

© Riproduzione riservata

Foto: Photos.com, Carrefour.it

  Valeria Torazza

Valeria Torazza
analisi di mercato

Guarda qui

uova fresche cestino

Uova: come orientarsi tra tipo di allevamento, certificazioni, sostenibilità ambientale e benessere animale

Ogni italiano mangia in media 214 uova all’anno, considerando quelle consumate direttamente in casa e …

5 Commenti

  1. Ma chi se ne importa se la quantità proteica è inferiore alla carne di manzo! Meglio così, tutte quelle proteine non ci servono, le raccomandazioni internazionali sono proprio di ridurre la quota di proteine, perchè in una dieta onnivora è quasi il doppio di quella raccomandata!
    E oltretutto la carne e i prodotti animali in genere non sono affatto salutari..

    • Esatto!! Era la stessa cosa che volevo dire io, chissà perchè per i prodotti vegani e vegetariani c’è sempre la frecciata sulle proteine. Non servono tante proteine e chi ha una dieta onnivora ne mangia troppe quotidianamente!!

    • Ho pensato esattamente la stessa cosa….il problema della dieta moderna non è una carenza di proteine ma un loro eccesso, soprattutto di proteine animali …

  2. Per me il prodotto è troppo caro a differenza delle materie prime bio con i quali è fatto: per intenderci con 500 gr di soia secca a circa 2,5 euro si fanno circa 1400 grammi di tofu (più okara con cui si possono fare polpette, pane ecc), ingrediente principale nella preparazione, qui presente al 34% di 190 grammi.
    Meglio quindi farsi le cose in casa fino a che non decidono di essere più ragionevoli con i costi al cliente.

    • Ciao Elisa hai assolutamente ragione, è fuor d’ogni dubbio che le cose fatte in casa siano migliori di quelle acquistate, ma dobbiamo ragionare anche in funzione del fatto che ci sono persone che non hanno sempre il tempo di poter fare da se, quindi diciamo che questa è uno studio fatto sulla base dei prodotti pronti e non confrontabile con quelli da autoproduzione. Confrontiamolo magari con prodotti simili come ad esempio un Valsoia o un vegetalis.