Home / Pianeta / La prima bevanda alcolica di Coca-Cola è arrivata in Giappone. Un mercato dove la sperimentazione è un rito quotidiano

La prima bevanda alcolica di Coca-Cola è arrivata in Giappone. Un mercato dove la sperimentazione è un rito quotidiano

Coca-ColaPer la prima volta nei suoi 130 anni di storia, Coca-Cola produrrà una bevanda alcolica gassata e lo farà in Giappone, dove il settore di queste bibite, chiamate Chu-Hi, è particolarmente apprezzato. Si tratta di bevande composte da un distillato chiamato shōchū, acqua frizzante e alcuni aromi. Lo shōchū è un distillato di riso, orzo, patate dolci, grano saraceno e zucchero di canna.

In un’intervista al sito della compagnia, il presidente di Coca-Cola Giappone, Jorge Garduño, sottolinea come il mercato giapponese sia “incredibilmente dinamico, fieramente competitivo e radicato nell’innovazione” e come i consumatori cerchino varietà e mostrino il desiderio di sperimentare. Questo porta all’esistenza di settori di mercato particolarmente sviluppati, come quello del tè e del caffè pronti, in cui Coca-Cola Giappone è inserita, e che vedono la nascita continua di innovazioni di design sulle bottiglie e la sperimentazione di nuovi prodotti e sapori.

Alcune di queste innovazioni influenzano anche le scelte di Coca-Cola a livello globale, ad esempio per quanto riguarda i prodotti a base di tè e caffè o come potrebbe avvenire con le bevande funzionali, che in Giappone godono di una certificazione che ne riconosce i benefici per la salute, come la Coca-Cola Plus contenente fibre, e che sono rivolti alla popolazione di un paese che invecchia.

Dal Giappone le bevande funzionali si stanno espandendo verso altri mercati, mentre secondo Jorge Garduño è più difficile che ciò possa avvenire con la nuova bevanda alcolica, perché se è vero che molti mercati stanno diventando più simili al Giappone, dove la sperimentazione è un rito quotidiano, la cultura di quel paese è “ancora molto unica e speciale, quindi molti prodotti che nasceranno qui rimarranno qui”.

© Riproduzione riservata

Ogni giorno oltre 40mila persone ci seguono.
Siamo indipendenti e liberi da logiche politiche e aziendali. Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori che coprono il 20% delle spese

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Chocolate chip cookies with marijuana isolated on white

Stop ai derivati della cannabis nei ristoranti di New York. “Sostanza non approvata”, afferma il dipartimento della Salute. E in Europa?

Negli Stati Uniti inizia la stretta sull’utilizzo dei derivati della cannabis in alimenti e bevande …