Home / Nutrizione / Autosvezzamento o alimentazione controllata? L’ideale sarebbe una via di mezzo. Il Parere della nutrizionista Margerita Caroli: attenzione all’eccesso di proteine

Autosvezzamento o alimentazione controllata? L’ideale sarebbe una via di mezzo. Il Parere della nutrizionista Margerita Caroli: attenzione all’eccesso di proteine

svezzamento auto svezzamento bambini pappaLa fase in cui un lattante comincia a introdurre qualcosa di diverso dal latte – detta svezzamento, o meglio “alimentazione complementare” – è molto importante perché  l’andamento influenza in modo profondo sia il rapporto con il cibo sia le prospettive di salute. Nel corso dei decenni si sono susseguiti approcci diversi. Se 20-30 anni fa i pediatri fornivano raccomandazioni rigorose, indicando una precisa scaletta sui tempi e sui modi di introdurre gli alimenti, l’ultima tendenza, abbracciata da diversi pediatri, è quella dell’autosvezzamento. Il bambino condivide i pasti con i genitori, assaggiando ciò che preferisce, riducendo il cibo a pezzetti (ne abbiamo parlato qui). In questo modo, secondo i sostenitori, i piccoli  instaurano un rapporto più sereno con il cibo, e si abituano a mangiare in modo vario ed equilibrato.

Ma non tutti sono d’accordo: ne abbiamo parlato con Margherita Caroli esperta in nutrizione pediatrica, past president dello European Childhood Obesity Group (Ecog). “Scopo dello svezzamento – dice Caroli – è fornire energia e nutrienti in quantità adeguate, introdurre nuovi cibi puntando sulla varietà, e porre le basi per evitare lo sviluppo, nel tempo, di malattie croniche, come obesità e diabete. Per fare questo l’istinto amorevole dei genitori non è sufficiente. La scienza della nutrizione compie continui progressi e non è corretto ignorare le ricerche che mettono in luce gli specifici bisogni dell’infante.”

Se pensiamo che un bambino su tre, in Italia, è sovrappeso o obeso, e che, secondo la letteratura scientifica, le vie metaboliche si definiscono nei primi 1000 giorni a partire dal concepimento, è evidente che gli sforzi per portare avanti un’alimentazione corretta devono iniziare presto.

“Un bambino – continua Caroli – deve poter mangiare quanto vuole, senza forzature, perché ognuno ha un proprio ritmo di accrescimento e in questo sono d’accordo con i fautori dell’autosvezzamento. Il piccolo però non  può mangiare ciò che vuole, perché l’essere umano fisiologicamente preferisce gli alimenti grassi e dolci. Nell’età della pietra questa cosa favoriva la sopravvivenza, ora non è così. Adesso la  grande offerta di cibi e la continua ricerca di prodotti dolci e/o grassi favorisce  obesità, malattie cardiovascolari e altro. L’autosvezzamento può funzionare se la famiglia mangia in modo molto attento ed equilibrato, ma questo purtroppo accade raramente. Si tratta di un approccio valido per le famiglie con solide basi culturali, ma non per le fasce sociali più deboli, che hanno maggiormente bisogno dei consigli del pediatra”.

svezzamento auto svezzamento bambini pappa
Il pericolo più frequente è quello di un’alimentazione squilibrata per eccesso

 

Quali sono i rischi dell’autosvezzamento? “I bambini più gracili – dice Caroli – rischiano di non mangiare a sufficienza, ma il pericolo più frequente è un’alimentazione squilibrata per eccesso di calorie. Il nostro organismo possiede strumenti in grado di limitare i danni dovuti alle carenze (entro certi limiti!), ma è meno efficiente quando deve contrastare gli eccessi. Il rischio del surplus riguarda sia l’apporto calorico sia proteine, zuccheri e sale. Raramente le mamme vedono le proteine come qualcosa da limitare, ma numerosi studi mettono in correlazione l’eccesso proteico con il rischio di sviluppare obesità e ipertensione negli anni, oltre che con possibili alterazioni della funzione renale e dell’ecosistema intestinale”.

pappa bambini omogeneizzato broccoli Autosvezzamento
È importante che i pediatri accompagnino i genitori con indicazioni pratiche

Allora, sarebbe meglio tornare alle scalette temporali di introduzione degli alimenti, e a i brodini patata-carota-zucchina?  “I pediatri più attenti – risponde Caroli – hanno abbandonato da tempo gli schemi rigidi con una scansione temporale dei diversi alimenti. Oggi l’introduzione di cibo diverso dal latte è vista in modo molto più libero, e non deve essere né anticipata, né posticipata rispetto ai sei mesi di vita, in nome di una presunta protezione dallo sviluppo di allergie. Sarebbe  importante che i pediatri accompagnassero i genitori con indicazioni pratiche per nutrire il bambino in modo adeguato.”

Per esempio? “Innanzitutto niente bibite gassate, né dolci industriali. Poi niente sale almeno fino ai 12 mesi e, possibilmente, fino a due anni. Se vogliamo condividere il cibo con un bambino di questa età, dobbiamo cucinare senza aggiungere sale al cibo.”

“Un aspetto importante – aggiunge l’esperta – riguarda le porzioni. La maggior parte delle mamme teme che il bambino non mangi abbastanza. La tesi è in qualche modo condivisa dai blog  e anche da diversi libri (come Io mangio come voi, sostenuto dall’ospedale IRCCS Burlo Garofalo di Trieste)dove si trovano ricette con porzioni eccessive. Per esempio, la componente proteica del pasto di un bambino di 10 mesi può essere data da 10 grammi di carne di vitello che, macinata, corrisponde a mezzo cucchiaio, oppure da 45 ceci, o una scaglia di parmigiano lunga cinque centimetri. In rete si trovano ricette che, per bambini di sei-sette mesi, prevedono un vasetto di formaggino o 50 grammi di nasello. Si tratta di porzioni eccessive – fa notare Caroli – per un  bambino piccolo, che sa controllare la quantità di cibo  assunta, ma non può  limitare l’eccesso di alcuni nutrienti.

porzioni proteine neonati bambini
Porzioni di alimenti proteici adeguate a un bambino di circa 10 mesi: 10 g di carne macinata, una scaglia o un cucchiaio di parmigiano (5 g), 10 g di ceci secchi

Il consiglio è  di fare attenzione alle porzioni, in particolare per gli alimenti proteici. Pane e pasta possono variare in base alle esigenze, mentre i nutrienti che possono scarseggiare sono il  ferro e i grassi, che al piccolo servono in quantità maggiori rispetto all’adulto.

“L’autosvezzamento – dice Caroli – non deve essere visto in opposizione allo svezzamento “tradizionale”, ma bisognerebbe puntare a un mix dei due approcci. I pediatri devono porre maggiore attenzione agli aspetti relazionali dell’alimentazione, e stimolare un atteggiamento responsivo dei genitori. Non bisogna quindi imporre il cibo, ma assecondare le richieste del bambino; senza dimenticare di fornire  ai genitori indicazioni sui reali fabbisogni nutrizionali dei lattanti e dei bimbi piccoli. Non rispettare questi bisogni vuol dire non rispettare il loro diritto alla salute futura”.

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264
indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Valeria Balboni

Valeria Balboni

Guarda qui

Gluten free bread for people that got special diet.

La sensibilità al glutine non celiaca: una nuova ed enigmatica reazione avversa al grano. Ancora tanti i dubbi

Da alcuni anni, i medici hanno a che fare con un crescente numero di enigmatici …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *