Home / Sicurezza Alimentare / Arsenico nell`acqua potabile: il Tar del Lazio condanna i ministeri di Ambiente e Salute a risarcire i cittadini

Arsenico nell`acqua potabile: il Tar del Lazio condanna i ministeri di Ambiente e Salute a risarcire i cittadini

Con una sentenza che farà molto discutere, il Tar del Lazio ha condannato i ministeri di Ambiente e Salute al risarcimento dei cittadini di molti comuni costretti a utilizzare acqua contenente arsenico oltre i limiti previsti dalla Legge.

I comuni italiani interessati si trovano in Lazio, Toscana, Trentino Alto Adige, Lombardia e Umbria e il risarcimento ammonta a circa 100 euro per cittadino (per un totale di circa 200.000 euro)

È una decisione importante, perché indica che fornire servizi insufficienti o difettosi o inquinati determina la responsabilità della pubblica amministrazione per potenziale danno alla vita di relazione, stress, rischio di danno alla salute per i consumatori. Nella sentenza si può leggere infatti:

Il fatto illecito costituito dall’esposizione degli utenti del servizio idrico ad un fattore di rischio (l’arsenico disciolto in acqua oltre i limiti consentiti in deroga dall’Unione Europea), almeno in parte riconducibile, per entità e tempi di esposizione, alla violazione delle regole di buona amministrazione, determina un danno non patrimoniale complessivamente risarcibile, a titolo di danno biologico, morale ed esistenziale, per l’aumento di probabilità di contrarre gravi infermità in futuro e per lo stress psico-fisico e l’alterazione delle abitudini di vita personali e familiari conseguenti alla ritardata ed incompleta informazione del rischio sanitario“.

È stato accertato che l’acqua distribuita in circa 130 comuni (di cui oltre 90 nel solo Lazio) conteneva una percentuale di arsenico superiore ai limiti di legge. Il Tar, sottolineando la pericolosità per la salute umana dell’arsenico anche se in quantità limitate, ha affermato che l’acqua fornita ai cittadini deve essere salubre e per questo individua responsabilità ai massimi livelli.

Questo è solo l’ultimo atto di una vicenda che va avanti da tempo: già nell’aprile 2011 da Bruxelles erano partite inchieste per accertate come mai, a 11 anni dal primo allarme, l’Italia fosse ancora in netto ritardo sulle misure da prendere a tutela della salute pubblica.

Il Codacons sta promuovendo anche una nuova azione giudiziaria collettiva, chiedendo il risarcimento di 1500 euro per ogni abitante e una riduzione della tariffa idrica.

Per aderire: www.codacons.it. Per saperne di più, c’è un breve e-book, sempre a cura del Codacons dal titolo: Arsenico dal rubinetto: tutta la verità!

 

Luca Foltran

foto: Photos.com

 

Avatar

Guarda qui

alimenti cibo dieta verdure pollo pesce salute

Aumentano le notifiche al sistema di allerta Rasff. Nel rapporto 2019 boom di segnalazioni per la Salmonella nel pollo dalla Polonia

Nel 2019 sono tornate a crescere le notifiche trasmesse attraverso il Sistema di allerta rapido …

Un commento

  1. Avatar

    In Italia siamo sempre in ritardo su molte cose purtroppo.
    Articolo molto interessante,
    grazie.