Home / Sicurezza Alimentare / Ars alimentaria: il sito realizzato dal Ministero della salute insieme agli Istituti zooprofilattici, uno spazio aperto a operatori e aziende, ma con poco spazio per i consumatori

Ars alimentaria: il sito realizzato dal Ministero della salute insieme agli Istituti zooprofilattici, uno spazio aperto a operatori e aziende, ma con poco spazio per i consumatori

ars alimentaria Ars Alimentaria è il sito realizzato un anno fa dal Ministero della salute insieme all’Istituto zooprofilattico sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna e alla rete degli altri  Istituti zooprofilattici italiani. Non si tratta di uno spazio che aggrega le testate on line  dei singoli istituti e nemmeno di una vetrina realizzata in occasione di Expo 2015 ma di un’area di confronto tra operatori , laboratori e autorità, che dovrebbe trovare un giusto riconoscimento in occasione della manifestazione milanese.

 

Ars Alimentaria prevede due settori il primo riservato alle aziende e agli addetti ai lavori che  volontariamente inseriscono i  dati relativi alle analisi chimiche e fisiche fatte in sede di autocontrollo, lo schema dei processi produttivi relativi  alla trasformazione e al confezionamento oltre che agli ingredienti utilizzati. Il vantaggio di partecipare a questa raccolta dati è che si usufruisce di un continuo aggiornamento di lavori scientifici e contributi sul prodotto alimentare, di  aggregazioni di dati analitici che interessano il settore a cura dei vari esperti che lavorano negli istituti zooprofilattici e di una valutazione da parte degli esperti sul proprio sistema di controllo interno.

 

Schermata 2015-03-17 alle 19.04.26Un aspetto interessante è l’inserimento nei vari settori merceologici  dei  metodi sperimentali per definire su base scientifica la shelf life degli alimenti. Un altro compito del sito è di supportare l’attività sperimentale finalizzata alla documentazione scientifica relativa all’efficacia e della sicurezza  dei processi produttivi, oltre che documentare e rendere disponibili anche in ambito internazionale i risultati delle sperimentazioni condotte in termini di sicurezza alimentare. A questa rete aderiscono già un migliaio di aziende.

 

La parte pubblica destinata ai consumatori  riguarda  una serie di articoli sulla sicurezza alimentare , la divulgazione dei documenti dell’Efsa, di pareri delle autorità sanitarie. Il nuovo sito ancora in fase di completamento è una piacevole sorpresa per chi come Il Fatto Alimentare deve ogni giorno inseguire le poche notizie diramate dal Ministero della salute e da altre fonti istituzionali per avere un panorama della situazione e ricevere commenti o giudizi su episodi di cronaca ed eventi che interessano la salute pubblica.  Ci auguriamo che Ars alimentaria non sia una delle tante vetrine costruite per Expo 2015 e destinata ad esaurirsi con l’arrivo dell’autunno. Secondo noi il sito dovrebbe  rispondere in parte alla domanda di informazioni che in Italia scarseggia. In altre nazioni europee questo ruolo è affidato a Agenzie per la sicurezza alimentare,  che in Italia nessuno ha voluto e vuole costruire per miopi calcoli politici dei due ministeri interessati.

Roberto La Pira

© Riproduzione riservata

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

alimenti cibo dieta verdure pollo pesce salute

Aumentano le notifiche al sistema di allerta Rasff. Nel rapporto 2019 boom di segnalazioni per la Salmonella nel pollo dalla Polonia

Nel 2019 sono tornate a crescere le notifiche trasmesse attraverso il Sistema di allerta rapido …

2 Commenti

  1. Avatar

    A noi la richiesta di iscrizione è stata inizialmente accettata, e successivamente rifiutata, sviluppando soluzioni informatiche specifiche per il settore agroalimentare avremmo partecipato ed interagito volentieri, anche perché i dubbi e le richieste da parte dei clienti sono all’ordine del giorno, ma evidentemente non è destinato ad aziende come la nostra…

    • Avatar
      Paolo Daminelli

      Gent.mo dott. Minelli,
      il rifiuto alla sua iscrizione è la conferma dell’attenzione e della serietà con la quale valutiamo le richieste di accesso ad ArsAlimentaria.
      Come specificato, l’accesso all’area riservata è destinato ad OSA (o a consulenti direttamente autorizzati dall’OSA)ed Autorità Sanitarie. Avendo verificato la mancanza dei requisiti, le è stata offerta la possibilità di iscriversi alla newsletter di prossima pubblicazione. Resto naturalmente a sua compelta disposizione nel caso in cui lei voglia approfondire le potenzialità del sito. Ringraziandola per il contributo voglia gradire cordiali saluti.