Home / Pianeta / Le arance italiane in Cina inaugurano la via della seta! Peccato che il Paese asiatico sia il principale produttore al mondo!

Le arance italiane in Cina inaugurano la via della seta! Peccato che il Paese asiatico sia il principale produttore al mondo!

Quattro mesi fa i giornali annunciavano con una certa enfasi la notizia delle arance rosse di Sicilia da spedire in Cina per inaugurare la via della seta. Pochi hanno preso in considerazione le difficoltà logistiche per fare arrivare a destinazione e in buone condizioni, container pieni di arance con un viaggio di 40 giorni.

È vero che nella bella stagione arrivano in Italia container refrigerati riempiti di kiwi dalla Nuova Zelanda, perché i nostri ci sono solo in inverno, ma si tratta di frutti che resistono allo stress del trasporto e alla conservazione. Anche le mele si conservano per mesi in ottimo stato se tenute in magazzini a temperature, umidità e atmosfera controllata, ma per le arance è diverso. Gli agrumi rossi si conservano per circa due settimane, e questo intervallo è troppo breve per arrivare a Pechino. Bisognava fare delle prove per risolvere il problema. L’operazione è stata portata avanti da Oranfrizer, la maggiore azienda della filiera siciliana degli agrumi. Test non facile, considerando un tempo di navigazione  di circa 40 giorni per arrivare a Shanghai e la procedura fitosanitaria che consiste nel mantenere nei primi 21 giorni  la temperatura delle arance nel container al di sotto dei 2,1 °C.

“Nonostante le condizioni difficili in cui il test si è svolto – precisa Salvo Laudani, marketing manager di Oranfrizer – il risultato è stato positivo: le nostre arance rosse, accuratamente selezionate, sono arrivate a Shanghai in buone condizioni e immediatamente distribuite dall’importatore ai clienti che le avevano pre-acquistate. Adesso guardiamo con fiducia alla prossima campagna agrumaria, con l’obiettivo dichiarato di crescere gradualmente in Cina, magari potendo contare su tempi di trasporto più corti”.

Per sostenere lo sviluppo in Asia, Oranfrizer, insieme ad altre sette aziende italiane dell’ortofrutta fresca e trasformata, potrà contare sul progetto “The European art of taste: Italian fruit & veg masterpieces”, finanziato dalla EU e gestito dal Cso di Ferrara con  3,7 milioni. Il budget servirà per promuovere nei prossimi tre anni l’esportazione in Cina, Giappone e a Taiwan di frutta fresca e derivati e per organizzare eventi, partecipare a fiere e attività di comunicazione anche sui social.

arance italiane
Un negozio in Cina che vende le arance italiane

Fermo restando tutti questi elementi, nessuno ha valutato se da un punto di vista eco-ambientale vale davvero la pena trasportare frutta fresca in Paesi distanti oltre 8-9.000 chilometri. Qualcuno considera quest’iniziativa un assurdo, al pari dell’esportazione di bottiglie di acqua minerale negli Stati Uniti. Si tratta di un insulto all’eco-sistema, reso possibile dai costi ridicoli di trasporto delle navi porta container in grado di ospitare 10-20 mila unità.

Un altro punto su cui riflettere è capire perché la Cina, considerato il principale produttore di agrumi e derivati al mondo, dovrebbe importare le arance rosse siciliane. “In Cina la coltivazione delle arance rosse è iniziata da qualche anno – precisano gli addetti ai lavori – ma si tratta di frutti qualitativamente non paragonabili a quelli che crescono alle pendici dell’Etna, dove le condizioni pedo-climatiche forniscono un prodotto di eccellente.” Sarà anche così, ma esportare arance italiane (anche di pregio) in Cina è un po’ come esportare pomodori San Marzano nel Paese che anche in questo segmento risulta essere il primo produttore al mondo. Certo il Made in Italy a tavola è insuperabile, ma ha davvero senso esaltarsi per così poco e investire tanti soldi per le arance da mandare in Asia?

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Panzironi a processo per esercizio abusivo della professione medica. Rischia fino a tre anni

Dopo numerose censure e sanzioni di Antitrust e Agcom, Adriano Panzironi rischia ora fino a …

4 Commenti

  1. Avatar

    Riguardo all’ultima frase, direi che storicamente l’Italia è ai primi posti nel mondo nell’esaltarsi per cose con inesistente rilevanza economica reale ma con la bandierina italiana attaccata sopra (molto spesso assimilabili a “Guarda! Cosa italiana insignificante in paese estero!!”).

  2. Avatar

    Condivido l’analisi del Fatto Alimentare. Ciò dimostra quanto le dichiarazioni roboanti di politici irresponsabili siano legate a ignoranza abissale e pressappochismo populista.
    Al mio paese corre il detto: “prima de parlar tasi !!” (e informati da chi ne sa !!)
    E’ deprimente che tali mentalità abbiano certi successi elettorali. Abbiamo bisogno di scelte legate a serietà, competenza, e lungimiranza, altrimenti si rischia di nuovo di ricadere in orribili situazioni di cui stiamo perdendo memoria.

  3. Avatar

    condivido totalmente.

  4. Avatar

    Inaugurare la via della seta con un prodotto che fanno Anche in Cina mi sembra persino un po’ offensivo: possibile che non si poteva trovare un formaggio o un un salume DOP (prosciutti esclusi per le note ragioni) col quale fare bella figura ….. e magari avere pure un po’ più valore aggiunto?