Home / Pianeta / Antonia Ricci nuova direttrice dell’Istituto zooprofilattico delle Venezie. Stefano Vaccari nuovo direttore del Crea

Antonia Ricci nuova direttrice dell’Istituto zooprofilattico delle Venezie. Stefano Vaccari nuovo direttore del Crea

Antonia RicciAntonia Ricci è la nuova direttrice generale dell’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie (IZSVe). Nominata oggi al vertice dell’Istituto dal Presidente della Regione del Veneto Zaia, in accordo con i Presidenti di Friuli Venezia Giulia, Provincia di Trento e Provincia di Bolzano, e con il parere favorevole del Ministro della Salute Roberto Speranza.

Laureata in medicina veterinaria, si è poi specializzata in Ispezione degli alimenti di origine animale. 53 anni, due figli, Antonia  Ricci è entrata in IZSVe nel 1995 e si è occupata prevalentemente di sicurezza alimentare e di zoonosi.

Fra i numerosi incarichi dirigenziali ricoperti, è stata direttrice del Dipartimento per la sicurezza alimentare (2011-2018) e direttrice della Struttura Complessa “Analisi del rischio e sorveglianza in sanità pubblica” (2006-2018). È stata inoltre direttrice del Centro di referenza nazionale per le salmonellosi (dal 2001) e del Laboratorio di riferimento OIE per le salmonellosi (dal 2007).

Nel corso della sua carriera scientifica è stata membro di vari comitati scientifici internazionali e ha ricoperto numerosi incarichi in qualità di esperta per la Commissione Europea, l’Organizzazione mondiale per la sanità animale (OIE) e l’Autorità Europea per la Sicurezza alimentare (EFSA). Ha collaborato per molti anni con EFSA, prima come membro e poi come Chair del Panel sui Rischi Biologici (Biohaz), nonché come membro del Comitato Scientifico della stessa agenzia. Ha coordinato numerosi progetti nazionali, finanziati dal Ministero della Salute, e internazionali; è autrice di più di 300 pubblicazioni scientifiche.

Il nuovo Direttore generale del Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (Crea) è Stefano Vaccari, persona con una vasta esperienza nell’attività scientifica e numerosi incarichi svolti per l’amministrazione dello Stato. Ha partecipato alla redazione del decreto legislativo n. 228 del 2001 di orientamento e modernizzazione del settore agricolo ed ha direttamente curato la redazione del decreto legislativo n. 227 del 2001 di orientamento e modernizzazione del settore forestale; ha inoltre pubblicato numerosi saggi e volumi su temi giuridici, economici ed agricoli. Fino ad ora ha rivestito il ruolo di Capo del Dipartimento dell’Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari (Icqrf).

© Riproduzione riservata

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Too Good To Go: come funziona l’app contro lo spreco alimentare

Lo spreco di cibo è un problema globale – difficile da quantificare con precisione – …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *