Home / Pianeta / Suini biologici: non è solo l’assenza di antibiotici alla base della minore resistenza batterica. I risultati di una ricerca condotta in Danimarca, Francia, Italia e Svezia

Suini biologici: non è solo l’assenza di antibiotici alla base della minore resistenza batterica. I risultati di una ricerca condotta in Danimarca, Francia, Italia e Svezia

maiale
Lo studio ha valutato i fattori che determinano una minore antibiotico-resistenza negli allevamenti di suini

Uno studio coordinato da ricercatori svedesi e danesi, pubblicato dalla rivista PLOS One, ha indagato sulla differenza nella resistenza agli antibiotici tra suini allevati in modo biologico e quelli cresciuti in modo convenzionale. L’obiettivo dello studio verificare la presenza di altri fattori, oltre al minor uso di antibiotici negli allevamenti biologici, in grado di  influenzare l’antibiotico resistenza. L’indagine, a differenza di altre, non è stata condotta a livello regionale ma in quattro paesi: Danimarca, Francia, Italia e Svezia.

Nell’Unione europea, gli allevamenti bio sono sottoposti a maggiori restrizioni per quanto riguarda l’utilizzo degli antibiotici e varie sostanze chimiche, presentano una diversa struttura della mandria, una dieta differenziata oltre a mettere a disposizione l’accesso ad aree esterne.

maiale
Lo studio ha evidenziato una minore resistenza agli antibiotici dell’Escherichia coli intestinale negli allevamenti bio

Lo studio ha esaminato in che modo  queste differenze contribuiscono a determinare una minor resistenza agli antibiotici nei suini. Nei quattro paesi oggetto della ricerca, la percentuale di resistenza del batterio dell’Escherichia coli intestinale ad ampicillina, streptomicina, sulfamidici o trimetoprim è risultata significativamente più bassa nei suini biologici. In Francia e in Italia, è stata rilevata una minore resistenza significativa anche a cloramfenicolo, ciprofloxacina, acido nalidixico o gentamicina. In nessun paese è stata riscontrata resistenza alla cefotaxima.

Gli autori delle studio evidenziano come in ciascuno dei quattro paesi analizzati la resistenza agli antibiotici del batterio dell’Escherichia coli intestinale è risultata meno frequente nei suini biologici, anche se con evidenti differenze  all’interno di ciascun sistema produttivo. Tutto ciò indica che la comparsa della resistenza è influenzata da fattori specifici, relativi sia al paese sia all’allevamento.

© Riproduzione riservata

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

spesa cassa supermercato pagare

Filiera agroalimentare top, è il primo settore economico italiano. Ma i supermercati guadagnano meno di quanto pensiamo…

Dal campo alla tavola del ristorante, l’intera filiera agroalimentare rappresenta il primo settore economico in …

2 Commenti

  1. Avatar

    Da qualsiasi parte la prendiamo il risultato è sempre lo stesso.
    Meno intensivi, più rispetto per gli animali, miglior cibo, meno farmaci, meno prodotti chimici, meno rischi sanitari = miglior qualità dell’alimento, miglior qualità della vita degli agricoltori/allevatori e degli animali, miglior qualità dell’ambiente, migliore salute.
    Lo stile di vita è prima una filosofia e una morale, poi una scelta politica ed infine una scienza.
    Non l’esatto contrario, come purtroppo è la realtà che abbiamo costruito per noi ed i nostri figli.
    Serve una decisa e completa inversione di rotta.