Home / Pianeta / L’allergia alla carne di maiale e manzo provocata da una zecca si sta diffondendo sempre di più

L’allergia alla carne di maiale e manzo provocata da una zecca si sta diffondendo sempre di più

zecca lone star allergia alla carneC’è un’allergia in aumento, le cui ripercussioni influenzano la vita di tutti i giorni, a volte pesantemente: quella verso la carne o, per meglio dire, verso una sostanza chiamata alpha-gal, abbreviazione di galattosio-alfa-1,3-galattosio, uno zucchero che si ritrova soprattutto nella carne della maggior parte dei mammiferi, ma anche in decine di altre fonti. La sua particolarità è quella di essere veicolata dalle zecche, in particolare da quelle della specie “Lone Star” Amblyomma americanum negli Stati Uniti (vedi foto sopra), Ixodes holocyclus in Australia, Ixodes ricinus in Europa e Ixodes nipponiensis in Asia. L’antropizzazione, il riscaldamento del clima e l’incremento della popolazione stanno infatti facendo aumentare la probabilità di essere morsi, soprattutto nelle zone boschive, e con essa quella di sviluppare un’allergia che ha manifestazioni di intensità estremamente variabile, dal lieve pizzicore in gola fino allo shock anafilattico, anche se di solito, fortunatamente, passa entra qualche anno se non si è esposti in maniera ripetuta.

A richiamare l’attenzione su questa forma molto particolare di reazione allergica, riconosciuta come tale solo alla fine degli anni Ottanta, è Scientific American, che spiega quale sia la sequenza di eventi ritenuta più probabile, anche se restano diversi punti da chiarire. Le zecche, nutrendosi del sangue di vari mammiferi, assumono indirettamente anche l’alpha-gal, che si ritrova nel loro stomaco (secondo alcune teorie sarebbero invece microrganismi simbionti a produrla). Questo viene poi trasferito all’essere umano tramite il morso, e, una volta ‘iniettato’, induce la produzione di anticorpi di tipo IgE, tipici della reazione allergica. Fortunatamente, la sintesi delle IgE specifiche non è permanente: ciò significa che di solito entro 4-5 anni il clone di IgE scompare e con esso anche l’allergia. Tuttavia, poiché l’alpha-gal è molto rappresentata nella carne, chi viene punto diventa allergico a essa.

Three cuts of Raw fresh meat Steaks and seasonings on dark backg carne rossa
Il morso di alcune zecche può causare una forma di allergia alla carne di manzo e maiale, ma anche a latte e latticini

Come ricorda un documento molto recente dell’Istituto superiore di sanità, l’alpha-gal è espresso in tutti i mammiferi (eccetto i primati) compresi il manzo e il maiale, e si trova nelle carni, negli organi interni e nei derivati tra i quali latte e latticini. Resiste al calore e agli enzimi dell’apparato digerente, e si ritrova quindi anche in prodotti industriali come la gelatina contenuta in salse, marshmallow, addensanti per yogurt o creme, caramelle e preparati pronti. È presente anche in molti farmaci e nella carragenina, una gelatina molto utilizzata in ambito alimentare come gelificante e chiarificante, negli spray per lucidare la frutta, in alcuni formaggi, come idratante per pesce e pollo conservati, nel tofu, nelle preparazioni per il latte formulato e nei dentifrici. Infine, viene anche venduta pura in bustine, identificata con la sigla E407. Anche solo da questi impieghi, ben si capisce come un’allergia possa rappresentare un rischio significativo, per chi ne soffre.

Non solo. Le reazioni all’alpha-gal hanno rappresentato un problema quasi insormontabile per gli xenotrapianti, cioè per i trapianti di organi e tessuti cresciuti in animali. Per superarli, nel 2001 l’azienda statunitense Revivicor ha sviluppato i GalSafe, maiali privi del gene per la sintesi dell’alpha-gal (o meglio dell’enzima che lo produce), da impiegare appunto nei trapianti (sono suoi i reni e il cuore trapiantati tra il 2021 e il 2022 nei primi pazienti). Ma, nel 2020, la Fda ha dato il via libera anche al consumo umano della carne di questi animali, e nei mesi scorsi l’azienda ha iniziato a spedirla proprio a persone con l’allergia ad alpha-gal: una soluzione non praticabile in Europa, ma i cui effetti sono in studio, per verificare se effettivamente le reazioni allergiche alla carne siano solo contro lo zucchero e in generale per conoscere meglio il fenomeno.

© Riproduzione riservata Foto: Depositphotos, iStock

Da 12 anni ilfattoalimentare racconta con i suoi articoli cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.
Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo perché in rete tutte le persone hanno il diritto ad avere un'informazione libera e di qualità, senza il vincolo di dovere pagare. Tutto ciò è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza la necessità di farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

giornalista scientifica

Guarda qui

terra spaccata e secca in primo piano, con piccola pozza di acqua stagnante, sullo sfondo qualche albero, concept: siccità

Siccità: Wwf e Greenpeace denunciano il cattivo uso dell’acqua e suggeriscono qualche soluzione

Siccità è una parola dal suono antico, che richiama al pensiero immagini di società agricole. …

Un commento

  1. Articolo di estremo interesse su un argomento estremamente complicato da approfondire.

    Perché solo alcune persone punte dalle zecche sviluppano l’allergia ad alfa-gal? È probabile che vi debba essere una predisposizione. Alcuni studi hanno mostrato difetti nei mastociti di alcuni pazienti. I mastociti sono cellule del sistema immunitario, coinvolte nelle reazioni allergiche. I risultati sono preliminari e gli studi sono ancora in corso. Sarà importante stabilire con precisione i possibili fattori di rischio, in modo che le persone più vulnerabili si proteggano in modo particolarmente attento dalle punture di zecche, con accorgimenti come vestiti e repellenti.———-

    Nel riconoscimento del disturbo da alfa-gal è risultato importante tra altre particolarità l’osservazione che un medicinale somministrato inconsapevolmente favoriva, come effetto avverso, in diverse persone l’evidenziarsi del problema.
    Come sempre più spesso succede ci imbattiamo nel termine “autoimmunità” declinato in tanti modi.
    Ma non basta stare lontani consapevolmente dai topi, cervi, scimmie, zecche e altri selvatici per essere al sicuro, essi stessi non sono colpevoli ma attori dell’ambiente, assorbono e trasmettono quello che trovano e le situazioni di contatto sono le più disparate immaginabili compresa la mano dell’essere umano e non c’è solo il cetuximab.
    Autoimmunità è la parola chiave, una delle recenti frontiere avanzate, e pone interrogativi che dovrebbero essere ricercati alacremente per rafforzare la salute invece di favorire la debolezza con un mucchio di sostanze inutili alla nutrizione e alla vita sana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *