Home / Tecnologia e Test / Smascherare gli allergeni: un nuovo sistema diagnostico sfrutta i nanosensori. Una ricerca dell’Istituto zooprofilattico di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta

Smascherare gli allergeni: un nuovo sistema diagnostico sfrutta i nanosensori. Una ricerca dell’Istituto zooprofilattico di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta

allergie
A oggi per verificare la presenza di un allergene in un alimento esistono diversi metodi, tutti però relativamente costosi, inquinanti e non molto rapidi

Il Ministero della salute ha finanziato un sistema diagnostico veloce ed efficace (RF-IZP-2008-1160478) per stabilire la presenza di allergeni negli alimenti, che sfrutta le caratteristiche dei nanosensori. Il lavoro è stato condotto dall’Istituto zooprofilattico di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, in collaborazione con gli esperti del Politecnico di Torino e del CNR della stessa città.

 

Adesso per verificare la presenza di un allergene in un alimento – ossia della proteina che scatena la reazione allergica – esistono diversi metodi, tutti però relativamente costosi, inquinanti e lenti (bisogna aspettare alcune ore prima di ottenere il risultato). Questo intervallo diventa un elemento critico in alcune situazioni come nelle mense aziendali e scolastiche e non si conosce esattamente la presenza degli allergeni in tracce.

 

157032417
Secondo l’ultima normativa europea, sono 14 gli allergeni la cui presenza va obbligatoriamente indicata in etichetta, tra cui latte, crostacei, frutta a guscio.

Secondo la normativa europea, sono 14 gli allergeni la cui presenza va obbligatoriamente indicata in etichetta, nella lista troviamo: latte, crostacei e frutta a guscio. «Tuttavia – spiega Lucia Decastelli, responsabile della struttura di controllo alimenti dell’Istituto zooprofilattico di Torino – non sempre l’indicazione è precisa, e questo espone gli allergici a potenziali rischi. Non solo: esistono anche allergeni alimentari non contemplati nella normativa, ma che possono a loro volta costituire un pericolo. Le allergie alimentari – porsegue Decastelli – colpiscono circa l’1-2% degli adulti e il 5-6% dei bambini, con sintomi che vanno dai disturbi gastrointestinali alle eruzioni cutanee, dalle dermatiti fino allo shock anafilattico. Per questo è importante cercare un metodo diagnostico più economico, rapido ed efficace rispetto a quelli in uso». Grazie a questo test hanno per esempio scoperto la presenza di proteine del latte nel prosciutto o tracce di frutta a guscio nei biscotti, sufficienti per scatenare una reazione allergica.

 

Lo strumento si avvale di un supporto di silicio dotato di una struttura che ricorda vagamente un pettine a denti molto larghi. Su questi “denti”, che vibrano a lunghezze d’onda note grazie alle caratteristiche intrinseche del silicio, vengono fatti aderire gli anticorpi specifici per ogni allergene. In questo modo si forma un legame tra struttura in silicio e l’anticorpo molto solido, basato esclusivamente su proprietà fisiche, non influenzabile da fattori biologici eventualmente introdotti con il campione, né dalla temperatura o dal pH della soluzione. Nella camera di reazione così predisposta viene poi inserita una quantità piccolissima di campione. Se l’allergene è presente, l’anticorpo lo lega, formando un complesso facilmente individuabile dal lettore collegato allo strumento. Il sistma è dotato di un software che interpreta i dati e fornisce, in tempi molto rapidi, una risposta altamente affidabile.

 

154999518
Questo sistema si è rivelato molto preciso nella rilevazione degli allergeni e, in particolare, delle beta-lattoglobuline del latte, una famiglia di allergeni tra i più diffusi

«Questo sistema, di cui – per ora – è stato realizzato soltanto un prototipo piuttosto ingombrante, si è rivelato molto preciso nella rilevazione degli allergeni e, in particolare, delle beta-lattoglobuline del latte molto diffuse nel settore alimentare. I vantaggi sono evidenti – spiega Decastelli – grazie al fatto che sfrutta soltanto le proprietà fisiche dei reagenti, non servono condizioni chimiche particolari. Bastano pochissime quantità di anticorpi e di campione, poiché la scala sulla quale lavora è dell’ordine del miliardesimo di litro, e questo assicura un risparmio enorme e un profilo di sostenibilità molto elevato». Inoltre, dato che le dimensioni nano amplificano la superficie di reazione, e dato che la specificità del legame tra anticorpi e antigeni è elevatissima, la precisione e l’accuratezza del test sono buone.

 

«Il sensore diagnostico che abbiamo messo a punto – conclude Decastelli – una volta trasformato in un kit delle giuste dimensioni e di facile impiego, potrebbe essere molto utile nelle mense scolastiche e aziendali e per l’analisi a livello industriale. Speriamo solo di avere altri finanziamenti nell’ambito di progetti di ricerca per lo sviluppo e l’ottimizzazione del sistema».

 

Agnese Codignola

© Riproduzione riservata

Foto: photos.com

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

olio d'oliva plastica PET

Olio d’oliva, nelle bottiglie di plastica si conserva di meno e la qualità diminuisce prima. Scadenze tutte da rivedere?

Conservare l’olio d’oliva nella plastica potrebbe non essere una buona idea. Come riferisce Teatro Naturale, …

2 Commenti

  1. Buongiorno!
    Una domanda: ma rileva anche “le tracce”? E sì, a partire da quale “quantità”? Grazie anticipatamente per l’attenzione.

  2. Di sensori a risposta rapida c’è attualmente molto bisogno, non solo nelle mense, dove peraltro ho dubbi sull’utilizzo, perché servirebbe personale addestrato e in grado di giudicare adeguatamente i risultati e maneggiare in modo appropriato e statisticamente significativo le matrici, ma soprattutto nell’industria e negli enti di controllo ufficiale e nei laboratori di controllo di cui possono servirsi le mense. State però pubblicizzando un metodo a cui servono ancora tempi molto lunghi per essere disponibile sul campo.