Home / Pianeta / Stati Uniti: le maggiori preoccupazioni degli americani nell’acquisto di prodotti di origine animale. Il primo requisito è il non utilizzo di ormoni della crescita

Stati Uniti: le maggiori preoccupazioni degli americani nell’acquisto di prodotti di origine animale. Il primo requisito è il non utilizzo di ormoni della crescita

I consumatori statunitensi richiedono l’assenza di ormoni della crescita nei prodotti di origine animale come primo requisito

Uno studio condotto dai ricercatori delle Università dell’Illinois e del Nebraska-Lincoln, pubblicato dalla rivista Agriculture and Human Values, ha indagato quali sono le principali preoccupazioni dei consumatori statunitensi quando acquistano prodotti di origine animale, in particolare carne bovine, pollo, latte e uova. I consumatori Usa richiedono, in ordine, che all’animale non siano stati somministrati ormoni della crescita, che non siano stati utilizzati prodotti geneticamente modificati durante l’allevamento e che sia stato trattato in modo umano. A seguire c’è l’auspicio che l’animale non abbia vissuto in gabbia e sia astato cresciuto senza antibiotici. L’ultimo posto nell’indice di apprezzamento riguarda la certificazione come cibo biologico. L’ordine di queste preferenze varia a seconda del prodotto e del tipo di carne ma, in tutti i casi, al primo posto c’è  un sistema di allevamento senza ormoni della crescita.

Come ha spiegato al sito dell’Institute of Food Technologists l’economista alimentare dell’Università dell’Illinois Brenna Ellison, responsabile della ricerca, la sorpresa principale è che i consumatori abbiano scelto  come primo requisito l’assenza di ormoni della crescita, che nel caso dei polli sono già proibiti per legge. Anche i prodotti certificati come biologici o che riportano la scritta “allevati in modo umano”  non usano sostanze ormonali.

prodotti di origine animale
L’ultima preferenza dei consumatori è la richiesta di certificazione biologica per i prodotti di origine animale

L’altra sorpresa, secondo gli autori, viene dalla scarsa importanza attribuita alla certificazione di prodotto biologico, che la maggior parte delle persone ritiene attribuibile a frutta e verdura ma non  alla carne. Di conseguenza, la maggioranza dei consumatori non sa che la certificazione biologica degli alimenti di origine animale include diverse garanzie .

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Lavazza cuba caffe agricoltrici donne emancipazione

Caffè, sostenibilità ed emancipazione femminile: a Cuba il progetto di Lavazza con Oxfam documentato da Steve McCurry

Una tazzina di caffè può favorire lo sviluppo sostenibile e l’emancipazione femminile? È quello che …

2 Commenti

  1. Avatar

    Questo dimostra che il paese più avanzato del mondo si sta allineando alle posizioni europee sulle caratteristiche degli alimenti.
    Meglio tardi che mai e se ci sarà un allineamento ufficiale e sostanziale, sulle principali controverse compresi gli OGM, si potranno rivedere anche le condizioni del trattato TTIP, potenzialmente vantaggioso per entrambi i continenti.

  2. Avatar

    non credo che il consumatore medio americano sia realmente informato sulle condizioni di trattamento degli animali da carne allevati, perché, a mio modesto avviso, è generalmente tenuto all’oscuro da una gestione dei mercati squilibrata e nettamente favorevole ai produttori. ritengo siano relativamente pochi a conoscere i problemi in seno al settore.