Home / Sicurezza Alimentare / Insetti nel tappo e nelle bottiglie di acqua minerale! La risposta dell’azienda: cattivo stoccaggio

Insetti nel tappo e nelle bottiglie di acqua minerale! La risposta dell’azienda: cattivo stoccaggio

acqua minerale insettiUna lettrice di Torino ci ha chiamato allarmata, perché mentre apriva una bottiglia di acqua minerale Fonte Essenziale aveva notato degli insetti vivi, della grandezza di circa 2 mm, di color marrone chiaro in corrispondenza del tappo. Gli insetti si trovavano nell’anello di chiusura e l’acqua aveva un odore strano. Svitando il tappo alcuni sono finiti nell’acqua.

Controllando bene la lettrice ha notato che gli insetti erano presenti anche nelle altre bottiglie e che erano posizionati sempre all’esterno in corrispondenza dell’anello di chiusura. La lettrice ha avvertito l’Asl e l’azienda produttrice, Ferrarelle, che ha provveduto a ritirare le bottiglie per le necessarie verifiche. Anche noi abbiamo scritto all’azienda che così ha risposto.

Fonte Essenziale è un’acqua minerale imbottigliata direttamente alla sorgente nello stabilimento di Darfo Boario, mediante un impianto tecnologicamente all’avanguardia e di ultima generazione, altamente automatizzato e controllato che non prevede alcuna manipolazione e contatto con l’esterno durante l’intero processo di imbottigliamento.
Ogni lotto di produzione è costituito da centinaia di migliaia di bottiglie che dopo gli accurati controlli aziendali vengono immessi sul mercato. Le analisi effettuate sul lotto relativo al prodotto acquistato dalla consumatrice non hanno evidenziato irregolarità e rispondono agli elevati standard di qualità dell’azienda.
In merito a quanto segnalato dalla consumatrice, dopo aver visionato ed analizzato le bottiglie che gentilmente ci ha messo a disposizione, possiamo affermare che la contaminazione riscontrata è avvenuta all’esterno della bottiglia, in prossimità della capsula di chiusura, verosimilmente causata da un non adeguato stoccaggio del prodotto da parte dei rivenditori o, eventualmente, dei consumatori stessi.
Questi episodi, del tutto puntuali ed eccezionali, potrebbero accadere in particolari periodi dell’anno caratterizzati da clima siccitoso ed elevate temperature soprattutto quando i prodotti vengono conservati all’aperto, in ambienti rurali e in condizioni non consone.”

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Someone preparing tea

Tè alle microplastiche: ogni bustina in plastica rilascia miliardi di micro e nanoparticelle durante l’infusione

Miliardi di micro e nanoparticelle di plastica per ogni tazza di tè. Questo è quello …