Home / Sicurezza Alimentare / A cosa serve l`Agenzia per la sicurezza alimentare che l`Italia considera inutile

A cosa serve l`Agenzia per la sicurezza alimentare che l`Italia considera inutile


L’Agenzia per la sicurezza alimentare che doveva nascere  a Foggia non si farà più.  Lo ha detto il ministro della salute Ferruccio Fazio pochi giorni fa anche se la decisione era stata presa già a settembre, come era stato scritto sul Corriere della sera nove mesi fa. Qualcuno ha definito il progetto dell’Agenzia inutile  dimostrando una visione del problema riduttiva.

Per capire cos’è e come si muove un’Agenzia, basta vedere le proposte nell’ultimo mese pubblicate sui siti internet delle agenzie francese e inglese, e confrontarle con le iniziative italiane. I francesi presentano un parere sulle linee guida relative alla nutrizione e una campagna per una sana alimentazione, un report sul miele e i neonati, e un dossier sulla distribuzione dell’acqua potabile.

Food_standards_agency_logo Gli inglesi propongono una relazione sulle nuove etichette, un documento sui biberon contenenti bisfenolo, un rapporto sulle tossinfezioni alimentari, un elenco dettagliato e aggiornato sui cibi a rischio per le persone allergiche e un parere  sulla pericolosità degli acidi grassi trans, oltre a un piano nazionale per la riduzione del sale. In Inghilterra il sito riporta sempre l’elenco completo e dettagliato dei prodotti alimentari ritirati dal mercato con le foto e i numeri di lotto. 

Queste cose in Italia si fanno poco, male e non c’è nessuno che le coordina e le comunica alla gente, per questo serve un’agenzia. Per ridurre le spese basterebbe concentrare in un unico edificio le persone che all’Istituto nazionale per la sicurezza degli alimenti e la nutrizione si occupano di questi temi, farli lavorare con gli esperti  dell’Istituto superiore di sanità, del Ministero della salute e dell’Arpa e collegarsi con gli Istituti zooprofilattici. Ecco cosa dovrebbe fare un’agenzia per la sicurezza alimentare che il ministero ha classificato come ente inutile.

 

Avatar

Guarda qui

Bread, flour bag, wheat and measuring cup on black

Escherichia coli nelle farine: un rischio serio e da non sottovalutare. Il documento del BfR

Nel 2018 in Germania ci sono stati diversi casi di contaminazione delle farine da parte …