Home / Pianeta / Land grabbing: in Uganda l`ennesimo caso di rapina delle terre, gli investitori sono anche europei

Land grabbing: in Uganda l`ennesimo caso di rapina delle terre, gli investitori sono anche europei

Negli ultimi mesi l’Uganda è stata oggetto di diverse accuse da parte delle Ong che tutelano i diritti umani. Oxfam aveva già denunciato la deportazione di decine di migliaia di persone dalle loro terre, ottenendo l’avvio di un’indagine indipendente. Ma a questa piccola buona notizia è seguita quella di una deliberata devastazione chimica dei campi per accelerare le operazioni di land grabbing.

 

Rapina delle terre e “genocidio ecologico”. Secondo i pochi dati disponibili, negli ultimi 10 anni le autorità ugandesi hanno venduto o concesso in licenza esclusiva almeno 227 milioni di ettari di terra a investitori stranieri, anche europei. Tra questi una società britannica del legname, la New Forest Company (NFC), il cui “affare” ha portato alla deportazione di oltre 22.500 abitanti. Queste persone hanno subito la violenta privazione delle loro terre, l’incendio delle loro coltivazioni e l’uccisione del loro bestiame. Migliaia di famiglie abbandonate nel nulla, senza terra né cibo, e nessuna spiegazione o indennità economica. Nel nome del profitto altrui e della presumibile corruzione dei reggenti locali.

 

Alcuni hanno provato a resistere, a denunciare alla magistratura l’illegittimo esproprio delle proprie terre. Hanno chiamato in causa gli investitori e gli amministratori locali, corruttori e corrotti. Ma “Cash is the Law” e nessuno può opporvisi, tantomeno un giudice dell’Alta Corte di Gulu, che ha infatti riconosciuto al Madhvani Group il diritto di accaparrarsi 40.000 ettari di terra per coltivare canna da zucchero, sulla base di una concessione del Segretario del Consiglio delle terre di Amuru. In barba alle popolazioni locali, dell’etnia Acholi, che avrebbero invece perduto i loro diritti a causa delle pregresse deportazioni nei campi di concentramento, durante la guerra civile.

 

Nei giorni scorsi poi, il direttore esecutivo di Africa Anti Corruption and Drugs Research Initiatives Network (ADRICA-NET) ha riferito il caso del villaggio di Kyagaju, nel Distretto di Sheema in Uganda occidentale: i campi coltivati sono stati distrutti con micidiali mix di diserbanti e altre sostanze chimiche al preciso scopo di costringere gli agricoltori locali ad abbandonare le loro terre. “Genocidio ecologico”, è questa la definizione usata per descrivere il crimine in questione, che si abbina ai sequestri di persona e ad altre intimidazioni.

 

In Europa ci sono due grossi investitori che, a dispetto di qualsivoglia proclama di eticità degli affari, investono nel land grabbing. Si tratta della New Forest Company (NFC), finanziata tra gli altri dalla Banca europea per gli investimenti (e dalla Banca mondiale), e della PensionDanmark, un fondo pensionistico danese che investe sulle produzioni di commodities agricole e biocombustibili in Uganda. 

 

Cosa possiamo fare. Oxfam ha dedicato molta attenzione e lanciato un’apposita iniziativa contro la rapina delle terre in Uganda:

«Vogliamo che gli investitori, i governi e le organizzazioni internazionali:

– pongano fine al land grabbing;

– rafforzino e sostengano le leggi e le norme per proteggere le persone; smantellino gli incentivi per i biocarburanti che favoriscono la “corsa  alla  terra”;

– e che, soprattutto in Uganda, la New Forests Company indaghi sulle questioni urgenti riguardanti il land grabbing.»

 

Questa mobilitazione ha prodotto un piccolo ma importante risultato: a seguito delle denunce delle comunità ugandesi che accusano la NFC di averli cacciati dalle proprie terre, è stato avviato un processo indipendente a cura del Compliance Advisor della International Finance Corporation (IFC), ramo del settore privato della Banca Mondiale, che esaminerà le richieste della popolazione.

 

Come mai proprio questo ente? Perchè l’IFC investe in un fondo che ha interessi nella NFC, e il suo Compliance Advisor ha la funzione di gestire le rimostranze delle comunità colpite dagli investimenti dell’ente: meglio sarebbe adottare la valutazione preventiva d’impatto sui diritti umani, Human Rights Impact Assessment, invocata a Davos da Olivier De Schutter.

 

Cosa seguirà? Il Compliance Advisor esaminerà nel dettaglio la situazione, prima di proporre una soluzione concordata.

 

Nel nostro piccolo, possiamo contribuire a diffondere l’informazione su queste atrocità e sollecitare l’adozione di misure internazionali per bloccarle. Basta qualche clic per iniziare: aderire alla campagna “Coltiva” di Oxfam, sottoscrivere la petizione dello Oakland Institute al Presidente degli Stati Uniti per fermare il land grabbing nella vicina Etiopia. Piccoli gesti che, se ampiamente partecipati (al punto di dare vita a una critical mass), possono stimolare i decisori politici ed economici ad adottare apposite iniziative. Un esempio, in questo senso, è stato il successo della massa critica di reazione al progetto del gruppo coreano ‘Daewoo Logistics’, poi fallito, di acquisire il 60% delle terre arabili in Monzambico, nel 2008.

 

Dario Dongo

 

PS: ancora su Uganda e diritti umani – se pure “fuori tema” rispetto alle materie trattate in questo sito – segnaliamo due recenti notizie:

 

– l’iniziativa e il video inserito su You Tube il 5 marzo dalla Ong ‘Invisible Children’ allo scopo di promuovere la cattura di Joseph Kony, responsabile del rapimento e arruolamento come soldati di 30mila bambini, negli ultimi 26 anni,

– il recente ‘Kill the Gay Bill’, la legge che punisce l’omosessualità con la prigione, l’ergastolo e la pena di morte a seconda dei casi. Un altro abominio cui è possibile opporre una petizione

 

Per maggiori informazioni:

 

– la denuncia di Oxfam al land-grabbing in Uganda: link

 

– alcune notizie degli investimenti di ‘PensionDanmark’ sulle terre africane: link

 

– la denuncia di Africa Anti Corruption and Drugs Research Initiatives Network (ADRICA-NET): link

 

– il servizio di TV 7 su Rai 1, al minuto 54:20 della trasmissione dell’8.10.11: link

 

Avatar

Guarda qui

Api su girasole_Ph. Monica Pelliccia - Adelina Zarlenga

Glifosato, il controverso erbicida vietato in Toscana entro la fine del 2021: obiettivo sostenibilità

La Toscana dice stop al glifosato. La regione punta a eliminare l’uso del controverso erbicida …

Un commento

  1. Avatar

    Ultime notizie sulla rapina delle terre da un blog ugandese, su http://farmlandgrab.org/post/view/20216