Home / Etichette & Prodotti / Origine del latte e latticini in etichetta dal 19 aprile. Approvato il decreto, dubbi sull’applicabilità

Origine del latte e latticini in etichetta dal 19 aprile. Approvato il decreto, dubbi sull’applicabilità

Il decreto sull’origine del latte nei prodotti lattiero-caseari è stato finalmente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, il 19 gennaio 2017. Le industrie nazionali devono affrettarsi ad aggiornare le etichette e smaltire quelle non conformi, se pure ancora in attesa di chiarimenti e con incerte prospettive sul futuro del provvedimento. Il decreto interministeriale 9.12.16 recante “Indicazione dell’origine in etichetta della materia prima per il latte e i prodotti lattieri caseari, in attuazione del regolamento (UE) n. 1169/2011, relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori” entrerà in vigore nei 90 giorni dalla sua pubblicazione in Gazzetta e vi rimarrà “in via sperimentale fino al 31 marzo 2019”. (1)

Le nuove regole si applicano ai soli alimenti pre-imballati realizzati in Italia e destinati alla mercato interno, con l’esclusione dei latticini e altri prodotti DOP, IGP, STG e prodotti biologici. Più precisamente le categorie interessate sono:

– latte (vaccino, bufalino, ovo-caprino, d’asina “e di altra origine animale”, fresco e a lunga conservazione)

– formaggi, latticini e cagliate

– creme di latte (concentrate e non, con o senza aggiunta di zucchero e/o edulcoranti)

– latticello, latte e crema coagulata, kefir e altri tipi di latte e creme fermentate o acidificate, sia concentrate che addizionate di zucchero o edulcoranti aromatizzate o con l’aggiunta di frutta o cacao

– siero di latte, anche concentrato o addizionato di zucchero o altri edulcoranti

– prodotti costituiti di componenti naturali del latte, anche addizionati di zucchero o altri edulcoranti, non nominati né compresi altrove

– burro e altre materie grasse provenienti dal latte; creme lattiere spalmabili

L’origine va indicata in etichetta citando sia il Paese di mungitura, sia quello di “condizionamento” (per il latte UHT) o di trasformazione (per gli altri prodotti). In alternativa, è possibile indicare soltanto “origine del latte”, quando entrambe le predette fasi siano localizzate in un unico territorio nazionale. Al ricorrere dei casi si potrà altresì riportare “miscela di latte di Paesi UE/non UE” o “latte condizionato o trasformato in Paesi UE/non UE”.

I prodotti “portati a stagionatura, immessi sul mercato o etichettati” prima del 19 aprile 2017 dovranno venire commercializzati entro i 180 giorni successivi, altrimenti ri-etichettati con aggiunta delle notizie sull’origine. Le etichette non conformi dovrebbero venire sanzionate – già a partire da fine aprile, in caso di prodotti freschi (o comunque, non soggetti al periodo transitorio anzidetto) – ai sensi della legge 3.2.11 n. 4, articolo 4, comma 10. (2) I dubbi interpretativi sono parecchi, a partire dal campo di applicazione che non vale a chiarire la qualifica di vari prodotti borderline, tra le migliaia di referenze disponibili sul mercato. Le fasi di lavorazione sono talora articolate in vari processi e territori, e non è del tutto scontato attribuire la “trasformazione” all’uno piuttosto che all’altro.

Origine latte
Il decreto sull’origine latte e latticini è stato pubblicato, ma sono ancora  dubbi sulla sua applicabilità

Sono perciò attese le Linee guida che il Ministero per lo Sviluppo Economico si è guardato bene dal rendere note per tempo sul sito internet, ai fini della consultazione pubblica che è ormai in uso anche nei più piccoli Stati  europei. All’incertezza si aggiunge poi il rischio che il governo debba fare dietrofront, attribuendo questa volta la colpa  alle  norme internazionali di libero scambio. Proprio oggi infatti le delegazioni USA e Canada avanzeranno i loro dubbi sulla legittimità dei decreti italiani (su origine latte e grano, vedi articolo) e francesi (su latte e carni), rispetto al Trattato WTO.

Per approfondimenti giuridici sul decreto latte e le relative sanzioni, si veda l’articolo. Per dettagli e commenti sul dibattito in corso a livello WTO, si veda l’articolo.

Note

(1) Il governo italiano ha scelto la strada dell’efficacia transitoria del provvedimento per limitare i rischi di sua contestazione in fase di vaglio preliminare da parte della Commissione europea, nda

(2) L’applicabilità del citato regime sanzionatorio è tuttavia fortemente dubitata, per le ragioni esposte in nota all’articolo.

gift dario dongo

logo-fare

 

 

 

© Riproduzione riservata

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Dario Dongo

Dario Dongo
Avvocato, giornalista. Twitter: @ItalyFoodTrade

Guarda qui

Jambon Cuit

Prosciutto cotto: tutti i segreti del salume più amato dagli italiani. Il prezzo varia da 8 a 62 €/kg e dipende da provenienza, allevamento e ingredienti

Il prosciutto cotto è il salume preferito dagli italiani: nel 2017 ne sono state consumate …

5 Commenti

  1. Come al solito si tratta di una norma autarchica “di facciata” valida solo per i prodotti fatti esclusivamente in Italia, che, come in passato, troverà ostacoli praticamente insormontabili (vedi appunti di Dongo) nell’applicazione pratica. Sarà utile solo per chi utilizza esclusivamente latte di origine nazionale. Dal punto di vista qualitativo e salutistico è assolutamente impropria ed inutile, anzi, il rischio è che partano pubblicità comparative sulla qualità di materia prima estere, assolutamente ed oggettivamente dimostrabili ed incontrovertibili. Poi la norma si presta a facili elusioni nella gestione pratica. Grossi danni economici poi potranno derivare nel mancato utilizzo di scorte lunghe di imballaggi , specialmente per operatori medio-piccoli.

  2. Fabrizio de Stefani

    Questo decreto è come la Corazzata Potemkin di fantozziana memoria.
    Lasciate che deceda pietosamente accompagnato da languide giaculatorie, elevate da schiere di prèfiche in giallo.

  3. Domanda:
    Il decreto si applica “a tutti i tipi di latte ed ai prodotti lattiero-caseari di cui all’allegato 1, preimballati ai sensi dell’art. 2 del regolamento (UE) n. 1169/2011”
    ovvero si applica solo a prodotti preconfezionati.
    Pertanto i formaggi “a taglio” nel banco servito che non sono preconfezionati e quelli a libero servizio, ovvero i “preincartati”, non dovranno avere l’indicazione di origine del latte??
    Mentre gli stessi formaggi preconfezionati dallo stesso produttore, sì…
    Bella mossa!

  4. La dove non c’è interesse all’applicazione spuntano tutte le difficoltà ed obiezioni possibili, ma anche quelle incomprensibili.
    Il principio è chiaro, condivisibile ed apprezzato soprattutto dai consumatori ed i trasformatori che si metteranno di traverso, o non si applicheranno con diligenza per informare i loro clienti su eventuali manovre sotterranee e giri di valzer delle materie prime impiegate, state certi che verranno penalizzati.
    Per nostra fortuna, la trasparenza è diventata un plus di qualità dei nostri prodotti nazionali e chi non lo comprende perde il treno del mercato presente e futuro.

    • di incomprensibile è il fatto che a 2 km di distanza, a destra e a sinistra della frontiera li latte deve essere diverso e magari più puro , igienico, digeribile e nutrizionalmente migliore.