Home / OGM / Mais OGM, nessun rischio per salute e ambiente! Ma per Federbio si tratta di una bufala

Mais OGM, nessun rischio per salute e ambiente! Ma per Federbio si tratta di una bufala

mais ogm pannocchieIl mais transgenico non comporta rischi per la salute umana, animale e ambientale. Anzi, presenta produzioni superiori, contribuisce a ridurre la presenza di insetti dannosi e contiene percentuali inferiori di sostanze tossiche che contaminano gli alimenti e i mangimi animali. Lo afferma uno studio pubblicato su Scientific Reports, condotto da quattro ricercatori italiani della Scuola Superiore Sant’Anna e dell’Università di Pisa: Laura Ercoli, Stefano Bedini, Marco Nuti ed Elisa Pellegrino. Lo studio ha preso in considerazione 21 anni di coltivazione mondiale, tra il 1996 – anno in cui si è iniziato a seminare il mais OGM – e il 2016, e si basa su dati statistici e matematici.

Lo studio raccoglie i risultati di ricerche condotte in pieno campo negli Stati Uniti, Europa, Sud America, Asia, Africa e Australia, e paragona le varietà OGM con quelle convenzionali, concludendo che il mais transgenico è notevolmente più produttivo (5,6-24,5%), non ha effetto sugli organismi non-target (cioè non bersagli della modificazione genetica), tranne la naturale diminuzione di un Braconide parassitoide dell’insetto dannoso Ostrinia nubilalis, e contiene concentrazioni minori di micotossine (-28,8%) e fumonisine (-30,6%) nella granella, ovvero nei chicchi del mais.

insetti piante ogm
Lo studio dei ricercatori di Pisa sul mais OGM ha evidenziato un calo dell’insetto dannoso O. nubilalis, di un suo parassita e di micotossine

L’Università di Pisa spiega che lo studio ha applicato le moderne tecniche matematico-statistiche di meta-analisi su risultati provenienti da studi indipendenti, traendo conclusioni più forti rispetto a quelle ottenute da ogni singolo studio. La meta-analisi si è basata su 11.699 osservazioni che riguardano le produzioni, la qualità della granella (incluso il contenuto in micotossine), l’effetto sugli insetti target e non-target, i cicli biogeochimici come contenuto di lignina negli stocchi e nelle foglie, perdite di peso della biomassa, emissione di CO2 dal suolo.

Il modo in cui è stato presentato lo studio dai suoi autori è duramente criticato da Paolo Carnemolla, presidente di Federbio, che parla di “bufala” e di “comunicazione geneticamente modificata”. Sul suo blog dell’HuffingtonPost, Carnemolla osserva che lo studio dell’Università di Pisa non dice nulla che già non si sapesse e “soprattutto, non dice assolutamente nulla rispetto all’impatto della coltivazione degli OGM sulla salute umana. Eppure i ricercatori autori di questo studio titolano sul sito della loro Università: «Mais transgenico? Nessun rischio per la salute umana, animale e ambientale»”. Il presidente di Federbio osserva che “non c’è alcun nesso logico, ancor prima che di merito scientifico, fra lo studio e il titolo del comunicato”.

mais chicchi
Secondo il presidente di Federbio per ottenere una diminuzione ancora maggiore di micotossine nel mais è sufficiente la lotta biologica

“Confesso di essere solo un modesto dottore Agronomo ma vorrei che qualcuno mi spiegasse come l’aumento della quantità di granella prodotta, l’effetto sugli insetti parassiti, il contenuto di lignina negli stocchi e nelle foglie di mais, la perdita di peso della massa vegetale della coltura e le emissioni di CO2 dal suolo possano eliminare magicamente il “rischio per la salute umana, animale e ambientale” come hanno affermato la Prof. Ercoli e i suoi collaboratori”, scrive Carnemolla, che aggiunge: “Sì, è vero, nella valutazione sulle migliori performance produttive dei mais OGM c’è anche la già nota vicenda della minor produzione di micotossine (-29% circa) cancerogene. Minore, appunto, non “nessuno” come invece si afferma, mentendo, nel titolo. Dimenticandosi anche che la riduzione effettiva del rischio di malattie fungine e di danni da insetti, da cui derivano le micotossine, la si ottiene anzitutto evitando di coltivare il mais in monocoltura e con tecniche agronomiche forzate (irrigazione e concimazione chimica), che un abbattimento effettivo (fino al 95%, altro che 29%!!) lo si può ottenere solo con un fungo antagonista selezionato dall’Università Cattolica di Piacenza (lotta biologica) e che tutto il mais che viene utilizzato per alimentare gli animali e gli umani nell’intera UE deve avere un contenuto di micotossine inferiore ai limiti di legge. In altre parole, tutto il mais che mangiamo non presenta alcun rischio per la salute umana anche senza coltivare mais OGM”. Il presidente di Federbio chiede ai Comitati Etici dell’Università di Pisa e della Scuola S. Anna di attivarsi, perché “se le bufale cominciano a uscire anche dai siti delle Università siamo davvero perduti”.

Secondo Roberto Gazzola Gatti “In questa ricerca in nessun modo si parla di effetti sulla salute umana”

Critico anche Roberto Cazzola Gatti (coordinatore scientifico del Master, Laurea Specialistica, in Biodiversità e Professore associato presso la Facoltà di Biologia della Tomsk State University (TSU), in Russia) che conferma le perplessità sulle conclusioni  a cui sono giunti molti giornali sullanon pericolosità e sull’assoluzione delle colture OGM. ” Gli autori dello studio – scrive Gatti – come riportato nella metodologia dello stesso, dicono di aver, semplicemente, preso in considerazione un database sugli effetti del mais geneticamente modificato sulla resa e qualità delle colture, sugli organismi target e non target (piante, animali, microbi) e sui cicli biogeochimici, costruito, esaminando la letteratura sottoposta a revisione tra pari all’interno del database Web di Science”. … e prosegue “In questa ricerca, quindi, in nessun modo si parla di effetti sulla salute umana e sugli ecosistemi naturali. È molto importante che la stampa non diffonda simili fake news scientifiche che confondono l’opinione pubblica ed enfatizzano “scoperte scientifiche” che non sono assolutamente “scoperte” e non hanno nulla di “scientifico” quando vengono presentate, con simili intenti ingannevoli, ai non addetti ai lavori”.

In Italia il mais OGM è usato negli allevamenti, mentre nei supermercati sinora è stato segnalato un solo caso di una farina di mais transgenico proveniente dagli Stati Uniti. In Italia è vietata la coltivazione di piante geneticamente modificate, come consente di fare la normativa europea che, però, non permette di vietare l’importazione di alimenti e mangimi per animali ottenuti con queste materie prime autorizzate a livello comunitario, la cui presenza deve però essere indicata in modo chiaro sulle etichette.

© Riproduzione riservata

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

ogm mais monsanto 463509575

Il governo Usa pubblica le linee guida per l’etichettatura degli Ogm, chiamandoli in altro modo. Maglie larghe e molte esenzioni

Dopo anni di discussioni, il Dipartimento dell’Agricoltura Usa ha pubblicato le linee guida per l’etichettatura …

9 Commenti

  1. E se pure Leonardo su Rai3 ne parla come dimostrazione della non pericolosità del mais OGM sulla salute umana….si dimostra ancora una volta che anche alcuni giornalisti scientifici non leggono bene prima di parlare, purtroppo.

  2. Studio dal titolo ad effetto strumentale e volutamente forzato, che esprime un parere non su una ricerca scientifica ma su una collezione di studi già noti.
    Legittimo pubblicare metanalisi di ricerche, ma in ambito scientifico non si possono legare pareri soggettivi forzati a studi e ricerche ancora controverse, come l’impatto sulla salute e l’ambiente degli Organismi Geneticamente Modificati.
    Impatto non prevedibile nel lungo e lunghissimo periodo sulla salute umana ed ancor meno nell’ambiente mondiale, con tutti gli studi scientifici fatti nel breve periodo osservato.
    Per smentire tale parere soggettivo, basta tener presente un solo aspetto oggettivo e da tutti conosciuto sulla diffusione e contaminazione incontrollata ne controllabile delle coltivazioni OGM nel resto delle colture tradizionali e biologiche.
    Queste uscite volutamente provocatorie non giovano nemmeno alla causa del fronte dei ricercatori pro OGM, perché forzando pareri soggettivi senza portare alcun contributo innovativo nella ricerca genetica e tirando conclusioni inaccettabili su ricerche di altri, non fanno altro che attirare reazioni legittime ed oggettive.

    • In effetti mi sembra grave che alcuni telegiornali Rai abbiano diffuso la notizia dando per scontato che lo studio dimostri la sicurezza del mais transgenico nell’ alimentazione umana!

  3. Pur di inondarci di Ogm.. …sarebbero disposti a tutto!!!

  4. In effetti anche io non ci vedo grandi ragionamenti logici sulla non pericolosità del mais OGM. Per sbufalare scientificamente certe notizie non ci vorrebbe molto, si potrebbero utilizzare dei proofer, software appositi che calcolino logicamente le affermazioni effettuate. Non che sia una gran bella soluzione, ma se il cervello non funziona…

  5. Giancarlo Curzel - Agronomo

    Pur di non arrendersi all’evidenza, ci si arrampica sugli specchi. Dispiace che a farlo siano persone con tanto di laurea e raziocinanti. Stando alle loro obiezioni, non potremmo nemmeno coltivare patate e melanzane, arrivate in Europa solo 3-4 secoli fa, assieme al mais. O Kiwi, arrivato solo 60 anni fa. Ma lo sanno che tutto quello che mangiamo e’ OGM (stando alla sua definizione – non scientifica – vigente in Europa) naturale? E che dicono del grano RENAN, adottato su larga scala dai coltivatori biologici, che pero’ e’ tutto meno che GM naturale? E lo sanno. Ma, per qualche misteriosa ragione, ha ricevuto la piena assoluzione dal peccato originale (di essere GM non naturale, ma arciartificiale) e la piena promozione ad essere coltivato e targato .BIO. Tra l’altro, e’ l’unico grano GM esistente coltivato. Chiedo scusa, ma mi pare che ci sia un po’ di schizofrenia.

    • In nome della sua professionalità, le piacerebbe documentare le sue affermazioni sulla natura di Organismi Geneticamente Modificati come le patate, melanzane e mais di qualche secolo fa, oppure kiwi e grano Renan biologico unico coltivato?
      In sostanza le piacerebbe spiegarci la non differenza tra una trasformazione genetica endogena della qualità varietale e una trasformazione genetica con innesto esterno ed estraneo alla qualità varietale, magari anche di origine animale?

  6. Senza commentare, segnalo a tutti quanti che per giudicare bisogna andare alla fonte. Io ho scaricato il comunicato del Sant’Anna, che titola “OGM: il mais transgenico ha produzioni superiori e non comporta maggiori rischi per la salute umana, animale e ambientale”.
    Invito quindi a ritarare i diversi commenti sul titolo vero.

    • Roberto Pinton

      Il comunicato sul sito dell’università di Pisa titola ancora “Mais transgenico? Nessun rischio per la salute umana, animale e ambientale”.

      Nello studio non si sostiene quanto sparato nel titolo, la salute umana non è presa in considerazione nemmeno di sguincio. Quindi è inutile prendersela con i ricercatori (sempre che non abbiano indicato loro il titolo, ma tendo a escluderlo).

      Ben avrebbe fatto l’univerisità, però, ad ammettere che un ufficio stampa iper-zelante e con entusiasmo fanciullesco si è fatto prendere la mano (se è scivolato) senza aver letto il lavoro, oppure ha consapevolmente e quindi colpevolmente esagerato (d’altra parte, va capito: quale testata avrebbe altrimenti mai rilanciato un comunicato la cui notizia forte era che il carattere OGM di un mais agisce anche su un imenottero parassitoide della piralide?).

      Il problema non è il lavoro: il problema è un comunicato dal titolo ingannevole e del tutto privo di relazione col lavoro, e l’altro problema è il rilancio (anche qui, ben guardandosi dal leggere il lavoro, non c’era tempo) da parte delle testate generaliste, che al loro pubblico hanno fatto intendere che dalla meta-analisi siano emersi risultati che non sono affatto emersi.

      Non mi piace il termine, ma oggettivamente, si è trattato di fake news: la meta-analisi c’è, ma non c’entra niente con titolo farlocco del comunicato, poi rilanciato da metà della stampa italiana.